Europe Central (1)

C’è una funzione di Wikipedia che permette di creare PDF impaginati raccogliendo varie voci. Si trova sulla colonna a sinistra. Ad esempio in questi due link ho messo vari personaggi reali di cui si parla in  Europe central, romanzo che sto leggendo di William Vollman.

index

index2

europe

Recensione che non ho letto: carmillaonline

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Veronese a Verona

Questi sono due dei dipinti di Veronese più belli, fra quelli visti a Verona, palazzo della Gran Guardia (mostraveronese.it):

Veronese, Ratto d'Europa

Veronese, Ratto d’Europa

Veronese, Cristo nell'orto del Getsemani

Veronese, Cristo nell’orto del Getsemani

Altre chicche venete:

- Lonigo (VI);

- Terme di Giunone (Caldiero, VR) (“Sia la piscina Cavalla che la piscina Brentella sono piscine di epoca medievale, uniche nel loro genere, con acqua termale che sgorga da polle naturali. Sono immerse in un boschetto antico, centenario, formato da enormi platani, ippocastani, tassi, tuye, sofore, filari di bossi e siepi.“)

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Incontri o luoghi

Nuovi e vecchi album

Mentre medito di procurarmi un giradischi e forse di liberarmi dei CD, mi hanno regalato una manciata di vecchi vinili destinati al macero (il giradischi non ce l’ho ancora):

Vado al massimo di Vasco Rossi

Ivangarage di Ivan Graziani

The great rock ‘n roll swindle dei Sex Pistols

Cosa succede in città di Vasco Rossi

Bravo Ray Conniff n°2 (non ho idea)

Ciò che sto ascoltando adesso invece sono due o tre album bellissimi, uno dei quali, incredibilmente, è del 2014, ed è l’insieme di questi due EP ascoltabili per intero su courtneybarnettmusic.bandcamp.com:

 

Gli altri sono questi pazzeschi album:

I famosissimi Counting Crows, incrocio letale fra REM e Pearl Jam.

E poi un ascolto inusuale che contiene, fra le altre cose, la canzone italiana più bella che sia mai stata scritta (sotto):

fischio del vapore

De Gregori, Marini, Il fischio del vapore

3 commenti

Archiviato in *Fabrizio, Musica o radio

Come funziona la musica

Questo è un saggio o un insieme di saggi sul mondo della musica scritto dall’apprezzatissimo David Byrne:

byrne

 

Si legge molto velocemente nonostante la dimensione. Molti capitoli sono molto interessanti.

No, non spiega come ha fatto veramente a diventare famoso (il momento esatto in cui ha consegnato la maledetta cassetta al maledetto produttore, quello non lo spiega mai nessuno).

Però spiega come è nata la scena newyorkese di Talking Heads, Television, Patty Smith, ecc. e la scoperta è che anche in America funziona così: nei locali a sentire i gruppi ci sono solo quelli che suonano negli altri gruppi. Bisogna ricordarlo quando ci si lamenta, anche qui, della scarsità di pubblico.

davidbyrne.com

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura, Musica o radio

Altai

altai

 

Anche se questo articolo

http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=4288

diffida dal paragonare Altai dei Wu Ming Q dei Luther Blissett; anche se dicono che è meglio AltaiQ è più bello, non c’è paragone. Ma è bello anche Altai.

Qui c’è un blog dedicato con varie info:

http://www.wumingfoundation.com/italiano/Altai/

Ricordo che tutti i libri di Wu Ming, grazie alla loro ispirazione intellettual-popolare, si trovano gratis in formato digitale.

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Chiostro della Meridiana

Anche se non si vede bene, quella con il cerchio giallo è una meridiana; il chiostro è all’interno dell’ospedale nuovo; sullo sfondo Santa Maria di Campagna, una delle chiese più incredibili di Piacenza.

chiostro

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Incontri o luoghi

Variazioni Goldberg

Glenn Gould che suona le “variazioni Goldberg” di Bach, l’opera pianistica su cui è incentrato il libro Il soccombente che abbiamo già citato.

Sempre dal Soccombente di Bernhard un passo molto bello che parla del meccanismo dell’infelicità cronica:

Pur essendo in molte cose più fine e sensibile di me, finiva sempre per armarsi, fu questo il suo errore più grande, di sentimenti sbagliati, insomma era un vero soccombente, pensai.
(…)
In verità sono molte le persone che proprio perché profondamente immerse nella loro infelicità, in fondo sono
felici, pensai, e dissi a me stesso che forse Wertheimer è stato davvero felice perché della propria infelicità è stato
consapevole in ogni momento e di essa si è potuto rallegrare.
Ad un tratto il pensiero che egli avesse paura di perdere la propria infelicità per un qualsiasi motivo a me ignoto, e che per questo si fosse recato a Coira e poi a Zizers per togliersi la vita, ad un tratto questa idea non mi parve per niente assurda.

il soccombente

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura, Musica o radio