Kipling racconti – ennesima puntata

Il concetto di arte impegnata è una ingenuità, perché nessuno può veramente sapere quello che sta facendo. Uno scrittore, ammise Kipling, può concepire una favola, ma non penetrarne la morale. Egli deve essere leale verso la propria immaginazione e non verso le ovvie, effimere circostanze di una supposta “realtà”.

Borges, prologo a La rosa profonda, 1975

_

Nella casa di Suddhoo
Un anziano indiano di nome Suddhoo riceve notizie del figlio malato tramite manifestazioni spiritiche organizzate dal padrone di casa. Per una serie di circostanze nessuno può smascherare l’impostura.

La sua legittima sposa
Un soldato effeminato soprannominato Il Verme scommette che riuscirà ad umiliare in pubblico il proprio superiore. Per vincere la scommessa organizza uno scherzo in cui si traveste da donna e finge di essere sua moglie inglese venuta a trovarlo in India dopo tanti anni di lontananza.

La corsa ad Handicap
Storia di un cavallo da corsa imbattibile e del sabotaggio di una gara organizzata ai suoi danni.

Oltre i limiti (altrimenti detto Fuori giurisdizione)
Un uomo inglese si innamora di una donna indiana rinchiusa in una stanza sul retro di una casa in un vicolo. La frequentazione segreta porterà a danneggiare entrambi.

In errore
Un uomo si salva dal proprio alcolismo grazie all’idea errata che si era fatto di una donna.

Venus Annodomini
Storia di una donna amata da tutti e di un uomo convinto di amarla più di tutti gli altri. Scoprirà che anche suo padre fu uno dei pretendenti della donna.

Una frode bancaria
Un direttore di banca scopre che il suo contabile è malato terminale e gli tiene nascosta fino alla morte sia la rivelazione del dottore, sia l’intenzione della sede centrale di licenziarlo.

Emendamento Tods
Un ragazzino indisciplinato diventa “mascotte” dei membri del Consiglio e, grazie alle cose che ha sentito dire dagli adulti, aiuta a risolvere una questione politica.

La porta dei cento dolori
Un frequentatore di una “casa d’oppio” indiana racconta le differenze fra l’ottima gestione del cinese che l’aveva fondata e la pessima gestione successiva del nipote.

plain tales

Plain Tales from the hills (1888)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Altri racconti brevi di Kipling

Gli ultimi racconti di Kipling furono non meno labirintici di quelli di Kafka o di James, ai quali sono senza dubbio superiori; ma nel 1885, a Lahore, egli aveva portato a termine una serie di racconti brevi, scritti in stile lineare, poi messi insieme nel 1890. Di questi non pochi – In the House of SuddhooBeyond the PaleThe Gate of the Hundred Sorrows – sono laconici capolavori…

Borges, prologo a Il manoscritto di Brodie, 1970

racconti indiani.jpg

Lispeth
Una ragazza indiana “cristianizzata” si innamora di un inglese già fidanzato che non la ama ma per tenerla tranquilla le promette che tornerà per sposarla: lei scoprirà che gli inglesi sono tutti bugiardi e ritornerà con la sua gente.

Tre, e Uno in più
Una moglie durante un ballo riconquista suo marito, dopo una crisi di matrimonio dovuta alla perdita di un figlio.

Gettato via
Due militari scoprono il suicidio di un commilitone e inscenano una morte naturale riscrivendo le lettere di addio ai suoi familiari per non farli soffrire.

Il giogo degli infedeli
Un inglese parte per l’India lasciando l’amata in Inghilterra, lei si sposa con un altro, lui le scrive che l’aspetterà per sempre, ma poi sposa un’indiana. Quando il marito muore, lei ricorda la promessa dell’amato e va in India a cercarlo, trovandolo sposato.

Alba equivoca
Già riassunto qui: racconti-di-kipling-per-voi

Il salvataggio di Pfuffles
Un inglese in India finito sulla cattiva strada viene sedotto da una donna che ha l’intenzione di rimetterlo in sesto e prepararlo per il matrimonio con la promessa sposa Inglese (e ci riesce).

Le frecce di Cupido
Una ragazza perde di proposito una gara di tiro con l’arco perché c’era in palio il fidanzamento con un uomo ricco ma bruttissimo.

I tre Moschettieri
Tre commilitoni organizzano il finto rapimento e salvataggio di un Lord odiato dalla guarnigione, per spaventarlo e convincerlo ad annullare una parata.

La sua possibilità nella vita
Un ufficiale prende la decisione di sedare una rivolta sparando a un uomo, per innescare un meccanismo di riconoscimenti e di pentimento che gli permetterà di essere rimandato nell’entroterra dove avrebbe potuto sposarsi.

Orologi nella notte
A causa di uno scambio accidentale di due orologi e di uno scherzo durato troppo, si svela una storia di tradimenti e un matrimonio viene rovinato.

L’altro uomo
Una donna infelicemente sposata scopre che potrà rivedere il suo primo amore, che però è molto malato e quando arriva da lei in carrozza è già morto da due ore.

[continua]

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Genovesino e Soresina

Immagini da “Soresina dalle origini al tramonto dell’ancien régime”, da “La chiesa prepositurale di San Siro in Soresina”, dal catalogo “Genovesino e Piacenza”, e dal vivo.

Genovesino - Studio per il volto di un vecchio - catalogo

Genovesino – Studio per il volto di un vecchio

Genovesino - particolare

Genovesino - Miracolo della Mula

Genovesino – Miracolo della Mula – Soresina, Santa Maria del Cingaro

Genovesino Ultima Cena

Genovesino - L'ultima cena in San Siro a Soresina

Genovesino – L’ultima cena in San Siro a Soresina

San Siro in Soresina

San Siro in Soresina

San Siro in Soresina, volta affrescata e tela di E. Lodi

San Siro in Soresina, “arcata cieca” affrescata.

trotti

San Siro - opere

San Siro in Soresina, mappa delle opere

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Incontri o luoghi

San Cristoforo

Piacenza, Oratorio di San Cristoforo.

20180506_172202

Oratorio di san Cristoforo, Piacenza. Abside con affreschi e “quinte” affrescate che dividono la zona del coro.

20180506_172109

Oratorio di san Cristoforo, Piacenza. “Madonna e San Gregorio”, 1690, tela di Roberto de Longe (autore del ciclo di S. Antonino nell’omonima basilica)

20180506_173046

Oratorio di san Cristoforo, Piacenza. La cupola affrescata.

.

Chiamato della Morte per la presenza, un tempo, della confraternita che prestava assistenza durante i riti funebri. Opera forse del Valmagini, presenta una cupola affrescata dal Bibiena [1690].

L’edificio è stato commissionato dalla Confraternita detta della Morte, esistente sin dal 1260 presso la chiesa di santa Maria dell’Argine. Nel XVI sec. l’associazione religiosa trovava poi sistemazione nella chiesa di San Silvestro, denominata della “Morte Vecchia”. La Chiesa di San Cristoforo, detta “della Morte Nuova” viene edificata a partire dall’anno 1686 ed inaugurata nel 1690; soppressa nel periodo francese viene riaperta nel periodo della Restaurazione, ma nel frattempo la confraternita era stata sciolta. […]

La tipologia è quella dell’oratorio, cioè luogo di culto destinato ad un gruppo di persone: questo di San Cristoforo è pubblico ed anche la pianta centrale e raccolta richiama l’idea di un luogo intimo, costruito per la comunità.
Certamente l’opera è frutto di una collaborazione tra il Bibiena e l’architetto ducale Domenico Valmagini; quest’ultimo utilizza qui la cultura scenografica a livello urbanistico applicando, infatti, la veduta per angolo codificata dal Bibiena.
L’Oratorio di San Cristoforo, posto nella parte nord della città, all’interno del castrum romano, si situa, infatti, all’angolo di due assi stradali e permette la percezione dello scorcio scenografico da più punti di vista.
La facciata timpanata è caratterizzata dall’addizione dell’ordine gigante ionico applicato a lesene di doppio spessore.
Nell’interno viene sottolineata l’impostazione teatrale nella realizzazione di una sorta luogo per sacre manifestazioni, mediante un accordo tra architettura reale, le nicchie e quattro palchetti, e quella invece dipinta a quadratura dal Bibiena e dal Natali.

Fonte: Cenni storici sull’Oratorio San Cristoforo o “della Morte Nuova”

 

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Incontri o luoghi

Biblioteca di Babele

Non sono il primo autore del racconto La biblioteca di Babele; i curiosi della sua storia e preistoria potranno interrogare una certa pagina del numero 59 di “Sur”, in cui figurano i nomi eterogenei di Leucippo e di Lasswitz, di Lewis Carroll e di Aristotele.

(Borges, Finzioni, Premessa)

– – –

Nel 1622 Pierre Guldin aveva scritto un Problema arithmeticum de rerum combinationibus, in cui aveva calcolato tutte le dizioni generabili con 23 lettere, indipendentemente dal fatto se fossero dotate di senso e pronunciabili, ma senza calcolare le ripetizioni, e aveva calcolato che il numero di parole (di lunghezze variabili da due a ventitré lettere) era più di settantamila miliardi di miliardi (per scrivere le quali sarebbero occorsi più di un milione di miliardi di miliardi di lettere). Per poter immaginare questo numero si pensi di scrivere tutte queste parole su registri di mille pagine, a 100 linee per pagina e 60 caratteri per linea: occorrerebbero 257 milioni di miliardi di registri di tal fatta; se si dovesse collocarli in una biblioteca, di cui Guldin studia partitamente la disposizione, l’ampiezza, le condizioni di circolabilità, e se si disponesse di costruzioni cubiche di 432 piedi per lato, ciascuna capace di ospitare 32 milioni di volumi, occorrerebbero 8.052.122.350 di tali biblioteche. Ma quale reame potrebbe contenere tanti edifici? Calcolando la superficie disponibile sull’intero pianeta, potremmo allogarne solo 7.575.213.799!

(Eco, La ricerca della lingua perfetta)

– – –

Lucas van Valckenborch, Torre di Babele, 1594

Lucas van Valckenborch, Torre di Babele, 1594

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Annotazioni

Annotazioni prese durante letture e riletture di Borges.

 

– – –

La nostra mente è porosa per l’oblio
(Borges)

– – –

Il mio domicilio attuale è all’angolo, in calle Pozos
(Borges / Bioy Casares)

 

– – –

Borges parla dei suoi racconti (Lo zahir • Il libro di sabbia • Tlön, Uqbar, Orbis Tertius • Utopia di un uomo che è stanco):
http://www.archiviobolano.it/bol_aut_cit_racconto_borges1.html

– – –

Stevenson erige un unico uccello che consuma i secoli: “l’usignolo divoratore del tempo”
(Borges)

– – –

Eureka di Poe:
http://www.readme.it/libri/3/3061010.html

– – –

Kubla Khan di Coleridge:
https://www.poetryfoundation.org/poems/43991/kubla-khan

– – –

Paris Review, “The missing Borges”:
https://www.theparisreview.org/blog/2014/04/16/the-missing-borges/

– – –

Il Destino – tale è il nome che diamo all’opera infinita e incessante di migliaia di cause intrecciate
(Borges)

– – –

Catalogo “Biblioteca di Babele”:
http://www.fantascienza.com/catalogo/collane/NILF70571/oscar-la-biblioteca-di-babele/

– – –

Nei sogni (scrive Coleridge) … non sentiamo orrore perché ci opprime una sfinge, sogniamo una sfinge per spiegare l’orrore che sentiamo
(Borges)

– – –

Uno di essi teneva un ramo, che si adattava, indubbiamente, alla semplice botanica dei sogni
(Borges)

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Il Pordenone in S.Maria di Campagna

 

20180320_164606

… Venuto il Pordenone in credito e fama, fu condotto a Piacenza, donde, poi che vi ebbe lavorate alcune cose, se n’andò a Mantoa, […] con suo molto onore ritornò a Piacenza, e quivi, oltre molti altri lavori, dipinse in S. Maria di Campagna tutta la tribuna, se bene una parte ne rimase imperfetta per la sua partita; che fu poi con diligenza finita da maestro Bernardo da Vercelli. Fece in detta chiesa due capelle a fresco: in una storie di S. Caterina, e nell’altra la natività di Cristo et adorazione de’ Magi, ambedue lodatissime. Dipinse poi nel bellissimo giardino di Messer Bernaba dal Pozzo dottore alcuni quadri di poesia, e nella detta chiesa di Campagna la tavola di Sant’Agostino, entrando in chiesa, a man sinistra. Le quali tutte bellissime opere furono cagione che i gentiluomini di quella città gli facessero in essa pigliar donna e l’avessero sempre in somma venerazione.

Giorgio Vasari – Le vite… (1568)

20180320_174313 bis

Piacenza, Santa Maria di Campagna, la cupola vista dal centro della chiesa. Unico punto da cui si può vedere la “lanterna” con raffigurato il creatore

20180320_164458

Schema degli affreschi

20180320_171440

Vista degli affreschi dal ballatoio della cupola

20180320_172053

Le otto lunette dei profeti. Tutti indicano Dio nell’alto della lanterna, che da qui non è visibile.

20180320_171317

La parte inferiore degli affreschi, dalle finestre in giù, è quella completata dal Sojaro

 

20180320_171458

Guardando all’interno verso il basso si intravvede l’opera del Guercino illuminata. Fra gli affreschi del Sojaro, la scena al centro è molto simile a quella nella cappella della natività del Pordenone (vedi qui)

 

20180320_173338

Vista dal basso della cappella di S.Caterina. L’uomo sulla destra che regge il libro dovrebbe essere un autoritratto del Pordenone.

20180320_174134

Vista dal basso della cappella della natività con “l’asino più bello del Cinquecento” secondo la guida.

20180320_173948

Visita dei Magi (e visita dei pastori nella lunetta).

Altre immagini già pubblicate qui: Piccolo reportage S. Maria di Campagna e S. Sisto

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Incontri o luoghi