Il fascino del difficile

Altre poesie di William B. Yeats, con i miei soliti tentativi di traduzione.
Immagini da “The notebook of Willian Blake” (British Library), click per ingrandire su ogni immagine.

The Notebook of William Blake

 

THE FASCINATION OF WHAT’S DIFFICULT

The fascination of what’s difficult
Has dried the sap out of my veins, and rent
Spontaneous joy and natural content
Out of my heart. There’s something ails our colt
That must, as if it had not holy blood
Nor on Olympus leaped from cloud to cloud,
Shiver under the lash, strain, sweat and jolt
As though it dragged road-metal. My curse on plays
That have to be set up in fifty ways,
On the day’s war with every knave and dolt,
Theatre business, management of men.
I swear before the dawn comes round again
I’ll find the stable and pull out the bolt.

IL FASCINO DEL DIFFICILE

Il fascino del difficile
Ha prosciugato della linfa le mie vene, ha strappato
La gioia spontanea e l’istintivo piacere
Dal mio cuore. Il nostro puledro è afflitto
E deve, come non fosse santificato il suo sangue
Né balzato sull’Olimpo di nube in nube,
Tremare sotto la sferza, teso, sudato e scosso
Come se trainasse piombo. Maledico i drammi
Che richiedono cinquanta messe in scena,
E la guerra quotidiana con furfanti e stolti,
Gli intrallazzi teatrali, lo sfruttamento d’uomini.
Giuro che prima del sorgere del sole
Troverò la stalla e aprirò il chiavistello.

The Notebook of W. Blake

FALLEN MAJESTY

Although crowds gathered once if she but showed her face,
And even old men’s eyes grew dim, this hand alone,
Like some last courtier at a gypsy camping-place
Babbling of fallen majesty, records what’s gone.

These lineaments, a heart that laughter has made sweet,
These, these remain, but I record what’s gone. A crowd
Will gather, and not know it walks the very street
Whereon a thing once walked that seemed a burning cloud.

MAESTA’ DECADUTA

Quantunque il volto di lei un tempo riunisse folle con il solo mostrarsi,
E annebbiasse pure gli occhi più anziani, quest’unica mano,
Come una sorta di ultimo cortigiano in un campo di zingari
Cianciante di maestà decaduta, annota ciò che più non è.

Questi lineamenti, un cuore reso dolce dal riso,
Questi, questi restano, ma io annoto ciò che più non è. Una folla
Sarà riunita, non sapendo di percorrere proprio la strada
Un tempo percorsa da qualcosa di simile a una nuvola in fiamme.

The Notebook of W.Blake

ADAM’S CURSE

We sat together at one summer’s end,
That beautiful mild woman, your close friend,
And you and I, and talked of poetry.
I said, ‘A line will take us hours maybe;
Yet if it does not seem a moment’s thought,
Our stitching and unstitching has been naught.

Better go down upon your marrow-bones
And scrub a kitchen pavement, or break stones
Like an old pauper, in all kinds of weather;
For to articulate sweet sounds together
Is to work harder than all these, and yet
Be thought an idler by the noisy set
Of bankers, schoolmasters, and clergymen
The martyrs call the world.’

And thereupon
That beautiful mild woman for whose sake
There’s many a one shall find out all heartache
On finding that her voice is sweet and low
Replied, ‘To be born woman is to know—
Although they do not talk of it at school—
That we must labour to be beautiful.’

I said, ‘It’s certain there is no fine thing
Since Adam’s fall but needs much labouring.
There have been lovers who thought love should be
So much compounded of high courtesy
That they would sigh and quote with learned looks
Precedents out of beautiful old books;
Yet now it seems an idle trade enough.’

We sat grown quiet at the name of love;
We saw the last embers of daylight die,
And in the trembling blue-green of the sky
A moon, worn as if it had been a shell
Washed by time’s waters as they rose and fell
About the stars and broke in days and years.

I had a thought for no one’s but your ears:
That you were beautiful, and that I strove
To love you in the old high way of love;
That it had all seemed happy, and yet we’d grown
As weary-hearted as that hollow moon.

LA MALEDIZIONE DI ADAMO

Insieme sedemmo sul finir d’estate,
Quella donna bella e mite, tua cara amica,
E tu ed io, a parlare di poesia.
Dissi, ‘Un verso potrà prenderci ore;
Per quanto non sembri un pensiero istintivo,
Tutto il nostro scucire e imbastire è stato vano.

Meglio buttarsi sulle ginocchia
E sfregare il pavimento d’una cucina, o spaccare pietre
Come un poveraccio, qualunque sia il clima;
Poiché intrecciare armoniosamente i suoni
E’ lavoro più duro di quelli, sebbene
Creduto ozio da tutta la schiera chiassosa
Di banchieri, professori, e preti
Che i martiri chiamano mondo.’

A quel punto
La donna bella e mite per amor della quale
Non pochi proverebbero il batticuore
Scoprendone la voce morbida e pacata
Rispose, ‘Nascere donna significa sapere—
Sebbene non venga insegnato a scuola—
Che l’esser belli richiede lavoro.’

Dissi, ‘Di sicuro non c’è cosa buona,
Sin dal peccato d’Adamo, che non richieda lavoro.
Alcuni amanti han talmente creduto che l’amore debba
Compendiarsi con l’estrema cortesia
Ch’essi potrebbero citare in lacrime
I precedenti imparati da libri bellissimi;
Cosa che pare piuttosto una perdita di tempo.’

Il nome dell’amore ci distese ancor di più;
Vedemmo morire le ultime balugini del giorno,
E nel vibrante verde-acqua del cielo
Una luna, slavata come fosse una conchiglia
Consunta dalle acque del tempo che s’innalzano
E s’infrangono per giorni e poi anni fra le stelle.

Ebbi un pensiero concepito per le sole nostre orecchie:
Che eri bellissima, e che era per me una lotta
Amarti nell’antico e nobile modo d’amare;
Che rendeva tutto gaio, ma rendeva noi
Esausti nel cuore come quella cupa luna.

The Notebook of William Blake

 

A DREAM OF DEATH

I DREAMED that one had died in a strange place
Near no accustomed hand,
And they had nailed the boards above her face,
The peasants of that land,
Wondering to lay her in that solitude,
And raised above her mound
A cross they had made out of two bits of wood,
And planted cypress round;
And left her to the indifferent stars above
Until I carved these words:
She was more beautiful than thy first love,
But now lies under boards.

UN SOGNO DI MORTE

Ho sognato una che moriva in un posto strano
Fra mani inesperte,
E le avevano inchiodato assi davanti alla faccia,
I contadini di quel paese,
Vagando per posarla in quella solitudine,
E sul suo tumulo innalzavano
Una croce ricavata da due pezzi di legno,
E vi piantavano un cipresso;
E la lasciavano sotto stelle indifferenti
Allorché scolpivo queste parole:
Fu ancor più bella del tuo primo amore
Ma sotto le assi ora riposa.

The Notebook of William Blake

 

THE MASK

‘PUT off that mask of burning gold
With emerald eyes.’
‘O no, my dear, you make so bold
To find if hearts be wild and wise,
And yet not cold.’

‘I would but find what’s there to find,
Love or deceit.’
‘It was the mask engaged your mind,
And after set your heart to beat,
Not what’s behind.’

‘But lest you are my enemy,
I must enquire.’
‘O no, my dear, let all that be;
What matter, so there is but fire
In you, in me?’

LA MASCHERA

‘Getta via quella maschera d’oro fiammante
Con occhi di smeraldo.’
‘Oh no, caro mio, sii altrettanto ardito
Nella ricerca di cuori saggi e selvaggi,
Che non siano freddi.’

‘Vorrei solo trovare quel che c’è davvero,
Amore o inganno.’
‘Fu la maschera che attirò la tua mente,
E che ti procurò il batticuore,
Non ciò che vi sta dietro.’

‘Ma in caso mi fossi nemica,
Debbo indagare.’
‘Oh no, caro mio, lascia perdere;
Che importa, se v’è fuoco in te,
Che vi sia in me?’

The Notebook of W. Blake

THE MAN AND THE ECHO

Man
In a cleft that’s christened Alt
Under broken stone I halt
At the bottom of a pit
That broad noon has never lit,
And shout a secret to the stone.
All that I have said and done,
Now that I am old and ill,
Turns into a question till
I lie awake night after night
And never get the answers right.
Did that play of mine send out
Certain men the English shot?
Did words of mine put too great strain
On that woman’s reeling brain?
Could my spoken words have checked
That whereby a house lay wrecked?
And all seems evil until I
Sleepless would lie down and die.

Echo
Lie down and die.

Man
That were to shirk
The spiritual intellect’s great work,
And shirk it in vain. There is no release
In a bodkin or disease,
Nor can there be work so great
As that which cleans man’s dirty slate.
While man can still his body keep
Wine or love drug him to sleep,
Waking he thanks the Lord that he
Has body and its stupidity,
But body gone he sleeps no more,
And till his intellect grows sure
That all’s arranged in one clear view,
Pursues the thoughts that I pursue,
Then stands in judgment on his soul,
And, all work done, dismisses all
Out of intellect and sight
And sinks at last into the night.

Echo
Into the night.

Man
O Rocky Voice,
Shall we in that great night rejoice?
What do we know but that we face
One another in this place?
But hush, for I have lost the theme,
Its joy or night seem but a dream;
Up there some hawk or owl has struck,
Dropping out of sky or rock,
A stricken rabbit is crying out,
And its cry distracts my thought.

L’UOMO E L’ECO

Uomo
In un crepaccio battezzato l’Altura
Mi fermo sotto una roccia spaccata
Nel fondo di una cavità
Che mai vide luce di mezzogiorno,
E a quella roccia grido un segreto.
Tutto ciò che ho detto e fatto,
Ora che sono vecchio e malato,
Diventa un interrogativo
Che mi tiene sveglio ogni notte
Senza mai una risposta.
La mia messa in scena avrà davvero
Portato quegli uomini sotto il fuoco Inglese?
Le mie parole avranno troppo affaticato
La mente instabile di quella donna?
Le mie parole se pronunziate avrebbero
Rallentato il crollo d’una casa?
Tutto sembra malvagio finché
Insonne non giaci e muori.

Eco
Giaci e muori.

Uomo
Sarebbe come evitare
Il gran lavoro spirituale dell’intelletto,
E volerlo evitare invano. Non v’è riscatto
In un pugnale o una malattia,
E non v’è impresa più grande
Di ripulire la fedina sporca dell’uomo.
Finché l’uomo può tenersi un corpo
E’ amore o vino la droga che lo culla,
E al risveglio ringrazia Dio
D’avere corpo e stoltezza,
Ma orfano del corpo egli non dorme più,
E finché il suo intelletto non è convinto
Che tutto ha un chiaro proposito,
Segue i miei stessi pensieri,
E rimette in discussione la propria anima,
E, a lavoro compiuto, tutto quanto licenzia
Dall’intelletto e dalla vista
Per poi sprofondare nella notte.

Eco
Nella notte.

Uomo
Oh Voce della Roccia,
Gioiremo forse in quella grande notte?
Cosa sappiamo oltre al fatto
Che là dovremo reincontrarci?
Ma ora zitta, ché ho perduto il filo,
La gioia e la notte sembrano solo un sogno;
Da lassù in picchiata una sorta di falco o gufo
E’ sbucato fra le roccie o dal cielo,
Un coniglio catturato sta gridando,
Ed il suo gridare mi distrae il pensiero.

The Notebook of William Blake

POLITICS

‘In our time the destiny of man presents its meaning in
political terms.’—THOMAS MANN

How can I, that girl standing there,
My attention fix
On Roman or on Russian
Or on Spanish politics?
Yet here’s a travelled man that knows
What he talks about,
And there’s a politician
That has read and thought,
And maybe what they say is true
Of war and war’s alarms,
But O that I were young again
And held her in my arms!

POLITICA

‘Nel nostro tempo il destino dell’uomo rivela il proprio significato
in termini politici.’-THOMAS MANN

Come posso io, con la ragazza qui presente,
Focalizzare l’attenzione
Sulla politica romana
O russa o spagnola?
Eppure ho qui un uomo navigato che sa
Di che parla,
Ed un politicante
Che ha tanto letto e pensato,
E forse è vero ciò che dicono
Di guerre e sentori di guerre,
Ma oh se fossi ancora giovane
E potessi prenderla fra le braccia!

The Notebook of William Blake

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

La rosa del mondo

“La rosa del mondo” di William B. Yeats, con il mio solito tentativo di traduzione.

Due ritratti di William B. Yeats dipinti dal padre John B. Yeats.

w.b.yeats dipinto da john yeats

THE ROSE OF THE WORLD

WHO dreamed that beauty passes like a dream?
For these red lips, with all their mournful pride,
Mournful that no new wonder may betide,
Troy passed away in one high funeral gleam,
And Usna’s children died.

We and the labouring world are passing by:
Amid men’s souls, that waver and give place
Like the pale waters in their wintry race,
Under the passing stars, foam of the sky,
Lives on this lonely face.

Bow down, archangels, in your dim abode:
Before you were, or any hearts to beat,
Weary and kind one lingered by His seat;
He made the world to be a grassy road
Before her wandering feet.

john yeats

LA ROSA DEL MONDO

Chi sognò che la bellezza passa come un sogno?
Per queste labbra rosse, con il loro orgoglio funereo,
Così funereo da escludere ogni futura meraviglia,
Cadde Troia con grande bagliore funebre,
E morirono i figli di Usna.

Con il nostro mondo indaffarato siamo di passaggio:
Fra anime umane, che fluttuano e si scansano
Come pallide acque nel loro corso invernale,
Sotto stelle di passaggio, schiuma del cielo,
Vive ancora questo volto solitario.

Inchinatevi, arcangeli, nella vostra fioca dimora:
Prima che voi foste, o che un solo cuore battesse,
Languida e benevola indugiava presso di Lui;
Lui creò il mondo affinché fosse sentiero erboso
Ai piedi erranti di lei.

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Le migliori quattro (sei) opere a Roma

“Fui stamane a vedere l’originale della Trasfigurazione di Raffaello nella chiesa di S. Pietro Montorio, riprodotto in un mosaico a S. Pietro, e vidi pure il S. Michele di Guido Reni, il S. Gerolamo del Dominichino e la S. Petronelli [Petronilla] del Guercino, le quattro opere più belle che esistano al mondo.”

(Charles Burney, Viaggio musicale in Italia, 1770)

Raffaello - Trasfigurazione - Musei Vaticani

Raffaello – Trasfigurazione – Musei Vaticani – Roma

Guido Reni - Arcangelo Michele - Chiesa di Santa Maria Immacolata Concezione

Guido Reni – Arcangelo Michele – Chiesa di Santa Maria Immacolata Concezione – Roma

Domenichino - Comunione di San Girolamo - Musei Vaticani

Domenichino – Comunione di San Girolamo – Musei Vaticani – Roma

Guercino - Seppellimento di Santa Petronilla - Musei Capitolini

Guercino – Seppellimento di Santa Petronilla – Musei Capitolini – Roma

“… Quanto ai quadri ne vidi uno assai bello, una deposizione dalla croce di Daniele da Volterra nella Chiesa della Trinità de’ Monti. E’ una bella composizione assai espressiva, in particolare il gruppo di donne sulla sinistra; purtroppo i colori sono in gran parte svaniti. Tuttavia questo quadro è considerato tra i quattro più belli di Roma, se poniamo al primo posto la Trasfigurazione di Rafaele, al secondo il S. Gerolamo di Dominichini, al terzo la Deposizione dalla Croce di D. Volterra e al quarto il S. Romualdo di Andrea Sacchi.”

(Charles Burney, Viaggio musicale in Italia, 1770)

Daniele da Volterra - Deposizione dalla croce - Trinità dei Monti

Daniele da Volterra – Deposizione dalla croce – Trinità dei Monti – Roma

Andrea Sacchi - Visione di San Romualdo - Pinacoteca Vaticana

Andrea Sacchi – Visione di San Romualdo – Pinacoteca Vaticana – Roma

 

 

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

A dialogue of Self and Soul

“Dialogo fra l’Anima e il Sé” di William B. Yeats, con il mio solito tentativo di traduzione.

Due ritratti di William B. Yeats dipinti dal padre John B. Yeats (National Gallery of Ireland).

J.B.Yeats - Ritratto di W.B.Yeats - 1900

A DIALOGUE OF SELF AND SOUL

I

My Soul. I summon to the winding ancient stair;
Set all your mind upon the steep ascent,
Upon the broken, crumbling battlement,
Upon the breathless starlit air,
Upon the star that marks the hidden pole;
Fix every wandering thought upon
That quarter where all thought is done:
Who can distinguish darkness from the soul?

My Self. The consecretes blade upon my knees
Is Sato’s ancient blade, still as it was,
Still razor-keen, still like a looking-glass
Unspotted by the centuries;
That flowering, silken, old embroidery, torn
From some court-lady’s dress and round
The wodden scabbard bound and wound
Can, tattered, still protect, faded adorn.

My Soul. Why should the imagination of a man
Long past his prime remember things that are
Emblematical of love and war?
Think of ancestral night that can,
If but imagination scorn the earth
And intellect is wandering
To this and that and t’other thing,
Deliver from the crime of death and birth.

My self. Montashigi, third of his family, fashioned it
Five hundred years ago, about it lie
Flowers from I know not what embroidery—
Heart’s purple—and all these I set
For emblems of the day against the tower
Emblematical of the night,
And claim as by a soldier’s right
A charter to commit the crime once more.

My Soul. Such fullness in that quarter overflows
And falls into the basin of the mind
That man is stricken deaf and dumb and blind,
For intellect no longer knows
Is from the Ought, or Knower from the Known
That is to say, ascends to Heaven;
Only the dead can be forgiven;
But when I think of that my tongue’s a stone.

II

My Self. A living man is blind and drinks his drop.
What matter if the ditches are impure?
The ignominy of boyhood; the distress
Of boyhood changing into man;
The unfinished man and his pain
Brought face to face with his own clumsiness;

The finished man among his enemies? —
How in the name of Heaven can he escape
That defiling and disfigured shape
The mirror of malicious eyes
Casts upon his eyes until at last
He thinks that shape must be his shape?
And what’s the good of an escape
If honour find him in the wintry blast?

I am content to live it all again
And yet again, if it be life to pitch
Into the frog-spawn of a blind man’s ditch,
A blind man battering blind men;
Or into that most fecund ditch of all,
The folly that man does
Or must suffer, if he woos
A proud woman not kindred of his soul.

I am content to follow to its source
Every event in action or in thought;
Measure the lot; forgive myself the lot!
When such as I cast out remorse
So great a sweetness flows into the breast
We must laugh and we must sing,
We are blest by everything,
Everything we look upon is blest.

J.B.Yeats - Ritratto di W.B.Yeats - 1898

DIALOGO FRA L’ANIMA E IL SE’

I

Anima. Ti invito presso l’antica scala a chiocciola;
Disponi la tua mente per l’erta salita,
Verso il bastione distrutto, pericolante,
Verso l’aria rarefatta della notte stellata,
Verso la stella che indica il polo segreto;
Fissa ogni pensiero vagante nel
Luogo in cui i pensieri prendono forma:
Chi può distinguere la tenebra dall’anima?

Sé. La lama consacrata che tengo sulle ginocchia
E’ l’antica lama di Sato, ancora come nuova,
Ancora affilata, ancora come uno specchio
Immune ai segni dei secoli;
Quel ricamo fiorito, serico, scucito
Dal vestito di qualche dama di corte avvolto
E legato intorno al fodero di legno può,
Ornamento logoro e sbiadito, ancor proteggere.

Anima. Perché dovrebbe l’immaginazione di un uomo
Ancor prima del proprio fondamento ricordare
Emblemi di amore e guerra?
Pensa ad una notte ancestrale che possa,
Se solo l’immaginazione sdegnasse la terra
E l’intelletto potesse vagare
Fra questa e codesta e quell’altra cosa,
Liberare dal crimine di morte e nascita.

Sé. Montashigi, terzo della sua famiglia, la modellò
Cinquecento anni fa, avvolti ad essa vi sono
Fiori da non so quale arte del ricamo-
Cuore purpureo- che io dispongo
Quali emblemi del giorno contro la torre
Emblematica della notte,
E chiedo come è diritto di un soldato
La licenza di perpetrare di nuovo il crimine.

Anima. Tanta pienezza da quel luogo sgorga
E si riversa nel bacino della mente
Da rendere l’uomo sordo cieco e stordito,
Poiché l’intelletto non distingue più
L’E’ dal Dovrebbe, o il Sapiente dal Sapere
Vale a dire, ascende ai Cieli;
Solo i morti possono essere perdonati;
Ma quando ci penso la mia lingua è di pietra.

II

Sé. Un uomo che vive è cieco e s’abbevera.
Che importa se le fonti sono inquinate?
L’infamia della giovinezza; lo sforzo
Della giovinezza nel divenire adulta;
L’uomo incompiuto e il dolore
Di trovarsi di fronte alla propria goffaggine;

L’uomo compiuto fra i suoi nemici? –
Come in nome del Cielo può egli fuggire
Quella forma corrotta e sfigurata
Che lo specchio di occhi maliziosi
Rende ai suoi occhi fino al pensiero
Che quella forma debba essere sua?
E a che giova una fuga
Se l’onore lo coglie nel gelo invernale?

Sarei felice di rivivere tutto di nuovo
E poi di nuovo, foss’anche vita da scovare
Dentro le uova di rana nella fonte di un cieco,
Un cieco che abbatte uomini ciechi;
O in quella fonte più feconda di tutte,
La follia che l’uomo compie
O che deve subire, corteggiando
Una donna orgogliosa e poco affine all’anima sua.

Sarei contento di risalire all’origine
D’ogni gesto d’azione o pensiero;
Misurarne la quantità; dimenticare la mia quantità!
Poiché non appena abbandono il rimorso
Una grande dolcezza fluisce nel petto
Tale da dover ridere e cantare,
Tale che tutto è benedizione,
Tutto ciò che ci riguarda è benedizione.

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Piccolo reportage San Francesco, Sant’Antonino, San Savino

Click su ogni immagine per ingrandire.

– – –

Chiesa di San Francesco, Piacenza.

Cappella “della concezione di Maria”, affreschi e pala d’altare di Gian Battista Trotti, 1594:

san francesco-3

san francesco-4

san francesco-6

Cappella “di S.Francesco d’Assisi”, affresco del XVII sec.:

san francesco-20

Cappella “di Maria immacolata”, affreschi del XVI sec.:

Informazioni su restauri e demolizioni, e una fotografia degli affreschi rinvenuti nel chiostro sud:

– – –

Basilica di Sant’Antonino, Piacenza.

L’organo:

sant'antonino-11

La volta, affreschi del XVII sec.:

sant'antonino-13

Il cadavere decapitato di S.Antonino (una delle quattro tele di Robert De Longe, 1693):

sant'antonino-14

Particolare di “ultima cena” (Bernardo Castello, 1624):

sant'antonino-19

Il chiostro:

sant'antonino-10

Informazioni generali, architettoniche, artistiche:

– – –

Basilica di San Savino, Piacenza.

La piccola cappella affrescata:

san savino-11

I mosaici pavimentali:

san savino-10

san savino-21

san savino-20

san savino-22

I mosaici nella cripta:

Informazioni sulla basilica:

san savino-23

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Incontri o luoghi

Alcune poesie di A.Huxley

Traduzione amatoriale di alcune poesie tratte da The Defeat of Youth and Other Poems (La disfatta della giovinezza e altre poesie) di Aldous Huxley

– – –

The flowers

Day after day,
At spring’s return,
I watch my flowers, how they burn
Their lives away.

The candle crocus
And daffodil gold
Drink fire of the sunshine—
Quickly cold.

And the proud tulip—
How red he glows!—
Is quenched ere summer
Can kindle the rose.

Purple as the innermost
Core of a sinking flame,
Deep in the leaves the violets smoulder
To the dust whence they came.

Day after day
At spring’s return,
I watch my flowers, how they burn
Their lives away,
Day after day…

I fiori

Giorno dopo giorno,
Allo scoccar di primavera,
Osservo i miei fiori, come si bruciano
In fretta la vita.

Il croco snello
E il narciso d’oro
S’abbeverano di sole—
Subitaneo gelo.

E il tulipano fiero—
Che abbaglio rosso!—
Spento prima che estate
Risvegli la rosa.

Purpuree come l’intimo
Cuore d’una fiamma morente,
Le viole si fan cenere e ritornano
Alla polvere che furono.

Giorno dopo giorno,
Allo scoccar di primavera,
Osservo i miei fiori, come si bruciano
In fretta la vita.
Giorno dopo giorno…

– – –

– – –

Italy

There is a country in my mind,
Lovelier than a poet blind
Could dream of, who had never known
This world of drought and dust and stone
In all its ugliness: a place
Full of an all but human grace;
Whose dells retain the printed form
Of heavenly sleep, and seem yet warm
From some pure body newly risen;
Where matter is no more a prison,
But freedom for the soul to know
Its native beauty. For things glow
There with an inward truth and are
All fire and colour like a star.
And in that land are domes and towers
That hang as light and bright as flowers
Upon the sky, and seem a birth
Rather of air than solid earth.

Sometimes I dream that walking there
In the green shade, all unaware
At a new turn of the golden glade,
I shall see her, and as though afraid
Shall halt a moment and almost fall
For passing faintness, like a man
Who feels the sudden spirit of Pan
Brimming his narrow soul with all
The illimitable world. And she,
Turning her head, will let me see
The first sharp dawn of her surprise
Turning to welcome in her eyes.
And I shall come and take my lover
And looking on her re-discover
All her beauty:—her dark hair
And the little ears beneath it, where
Roses of lucid shadow sleep;
Her brooding mouth, and in the deep
Wells of her eyes reflected stars…
Oh, the imperishable things
That hands and lips as well as words
Shall speak! Oh movement of white wings,
Oh wheeling galaxies of birds…!

Italia

C’è un paese nella mia mente,
Più bello di quanto un poeta cieco
Possa immaginare, lui che mai conobbe
Questo mondo di pietra e aridità e sporcizia
In tutta la sua bruttezza: un posto
Colmo di una grazia sovrumana;
Le cui valli sono rappresentazione
Del riposo paradisiaco, e serbano altresì
Il calore e la purezza d’un corpo ridestato;
Dove materia non più significa prigione,
Ma libertà per l’anima di riscoprirsi
Originaria bellezza. Poiché tutto brilla
Laggiù d’intima verità ed è
Come fuoco e colore di stella.
E in quella terra sono cupole e torri
Come luci sospese e fiori brillanti
Lassù nel cielo, e paiono nascere
In aria più che dal suolo.

A volte in sogno mentre passeggio
Nel verde riparo, del tutto inattesa
Dietro il volgere d’una nuova radura,
Vedo lei, e come fossi impaurito
Esito un istante e quasi svengo
D’improvvisa debolezza, come un uomo
Che avverta il fuggevole spirito di Pan
Colmare la propria anima angusta
D’un mondo illimitato. E lei,
Voltando il capo, mette a nudo
Un’alba viva di stupore negli occhi
Che poi tramuta in benvenuto.
Ed io prendo la mia amata
E guardandola ne riscopro
Tutta la bellezza: – i capelli neri
E le piccole orecchie ivi celate, dove
Riposano rose d’ombra chiara;
La bocca imbronciata, e nelle cavità
Profonde dei suoi occhi stelle riflesse…
Oh, tutte le cose immortali
Che le mani e le labbra tanto quanto le parole
Possono esprimere! Oh movimento d’ali candide,
Oh rivoluzioni galattiche d’uccelli…!

– – –

– – –

Crapulous impression
(To J.S.)

Still life, still life… the high-lights shine
Hard and sharp on the bottles: the wine
Stands firmly solid in the glasses,
Smooth yellow ice, through which there passes
The lamp’s bright pencil of down-struck light.
The fruits metallically gleam,
Globey in their heaped-up bowl,
And there are faces against the night
Of the outer room—faces that seem
Part of this still, still life … they’ve lost their soul.

And amongst these frozen faces you smiled,
Surprised, surprisingly, like a child:
And out of the frozen welter of sound
Your voice came quietly, quietly.
“What about God?” you said. “I have found
Much to be said for Totality.
All, I take it, is God: God’s all—
This bottle, for instance…” I recall,
Dimly, that you took God by the neck—
God-in-the-bottle—and pushed Him across:
But I, without a moment’s loss
Moved God-in-the-salt in front and shouted: “Check!”

Impressione crapulosa
(Per J.S.)

Natura morta, natura morta… i riflessi brillano
Forti e netti sulle bottiglie: il vino
Immobile come un solido nei bicchieri,
Giallo morbido il ghiaccio, attraverso cui filtra
La luce di matita chiara proveniente dalla lampada.
I frutti abbagliano come metallo,
Globi nel loro cesto ricolmo,
E ci sono volti che si stagliano contro la notte
Della stanza accanto – volti che sembrano
Parte di questa natura morta, morta … hanno perso l’anima.

E fra questi volti gelidi sorridevi,
Straniato, stranamente, come un bambino:
E da un gelido tumulto di suoni
La tua voce usciva calma, calma.
“Che ne è di Dio?” dicevi. “Ho trovato
Tanti modi per dire Totalità.
Tutto, ritengo, è Dio: Dio è tutto –
Questa bottiglia, per esempio…” Ricordo,
Vagamente, che prendevi Dio per il collo –
Il Dio-bottiglia – e Lo spostavi:
Ma io, senza esitare un istante
Mossi in avanti il Dio-saliera e gridai: “Scacco!”

– – –

Private Property

All fly—yet who is misanthrope?—
The actual men and things that pass
Jostling, to wither as the grass
So soon: and (be it heaven’s hope,
Or poetry’s kaleidoscope,
Or love or wine, at feast, at mass)
Each owns a paradise of glass
Where never a yearning heliotrope
Pursues the sun’s ascent or slope;
For the sun dreams there, and no time is or was.

Like fauns embossed in our domain,
We look abroad, and our calm eyes
Mark how the goatish gods of pain
Revel; and if by grim surprise
They break into our paradise,
Patient we build its beauty up again.

Proprietà privata

Tutto vola – e allora chi è misantropo? –
Gli uomini veri e le cose che si fanno strada
A spintoni, per appassire come l’erba
Così in fretta: e (che sia speranza celeste,
O caleidoscopio della poesia,
O amore o vino, di festa, di messa)
Ciascuno possiede un paradiso di vetro
Dove nessun eliotropio bramoso
Insegue il levarsi o il calare del sole;
Poiché là il sole sogna, e non v’è o vi fu tempo.

Come fauni scolpiti nel nostro dominio,
Guardiamo all’esterno, ed i nostri occhi pacati
Notano la gozzoviglia delle dissolute divinità
Del dolore; e se con feroce sorpresa
Dovessero irrompere nel nostro paradiso,
Pazienti ne ricostruiremmo poi la bellezza.

– – –

– – –

Love song

Dear absurd child—too dear to my cost I’ve found—
God made your soul for pleasure, not for use:
It cleaves no way, but angled broad obtuse,
Impinges with a slabby-bellied sound
Full upon life, and on the rind of things
Rubs its sleek self and utters purr and snore
And all the gamut of satisfied murmurings,
Content with that, nor wishes anything more.

A happy infant, daubed to the eyes in juice
Of peaches that flush bloody at the core,
Naked you bask upon a south-sea shore,
While o’er your tumbling bosom the hair floats loose.

The wild flowers bloom and die; the heavens go round
With the song of wheeling planetary rings:
You wriggle in the sun; each moment brings
Its freight for you; in all things pleasures abound.

You taste and smile, then this for the next pass over;
And there’s no future for you and no past,
And when, absurdly, death arrives at last,
‘Twill please you awhile to kiss your latest lover.

Canto d’amore

Cara assurda bambina – fin troppo cara, ho scoperto –
Dio fece la tua anima per il diletto, non per l’uso:
Essa non penetra, il suo angolo è ottuso,
Il suo fondo piatto s’incaglia sonoramente
Nella vita, e sulla superficie di ogni cosa
Graffia il suo manto liscio e russa e fa le fusa
E tutta una gamma di mormorii soddisfatti,
Contenta per giunta, non desidera altro.

Ragazzina felice, impiastricciata fino agli occhi
Del succo di pesca che ti scorre nelle vene,
Ti crogioli nuda su una spiaggia del sud,
E sul tuo petto cadente volano sciolti i capelli.

I fiori selvatici sbocciano e muoiono; i cieli ripetono
Il canto di rivoluzione dei pianeti in orbita:
Ti agiti sotto il sole; ogni istante porta
Un fardello per te; ogni cosa abbonda di piaceri.

Tu assaggi e sorridi, per poi passare al prossimo;
E non c’è un futuro per te né un passato,
E quando infine, per assurdo, verrà la morte,
Bacerai con piacere anche il tuo ultimo amante.

– – –

In uncertainty to a lady

I am not one of those who sip,
Like a quotidian bock,
Cheap idylls from a languid lip
Prepared to yawn or mock.

I wait the indubitable word,
The great Unconscious Cue.
Has it been spoken and unheard?
Spoken, perhaps, by you…?

Con incertezza a una donna

Non sono fra chi degusta,
Come quotidiana birra,
Facili idilli su labbra languide
Pronte allo sbadiglio o alla beffa.

Io attendo l’indubitabile motto,
Il grande Spunto Inconscio.
Fu pronunziato e non udito?
Pronunziato, forse, da te…?

– – –

– – –

Complaint of a poet manqué

We judge by appearance merely:
If I can’t think strangely, I can at least look queerly.
So I grew the hair so long on my head
That my mother wouldn’t know me,
Till a woman in a night-club said,
As I was passing by,
“Hullo, here comes Salome…”

I looked in the dirty gilt-edged glass,
And, oh Salome; there I was—
Positively jewelled, half a vampire,
With the soul in my eyes hanging dizzily
Like the gatherer of proverbial samphire [1]
Over the brink of the crag of sense,
Looking down from perilous eminence
Into a gulf of windy night.
And there’s straw in my tempestuous hair,
And I’m not a poet: but never despair!
I’ll madly live the poems I shall never write.

Lamento del poeta manqué

Giudichiamo dalla mera apparenza:
Se non penso fuori dagli schemi, vesto almeno fuori dalle righe.
Così feci crescere i capelli talmente lunghi
Che mia madre non poteva riconoscermi,
Finché una donna in un locale notturno
Mi disse, passando,
“Ehilà, arriva Salomè…”

Osservai un lurido specchio incorniciato d’oro,
E, oh Salomè; eccomi là –
Ingioiellato in modo eccentrico, mezzo vampiro,
Con l’anima appesa vertiginosamente negli occhi
Come il celebre raccoglitore di finocchio [1]
Sul ciglio del dirupo dei sensi,
Affacciato da perigliosa sporgenza
Sopra un golfo di notte ventosa.
E c’è paglia nei miei capelli in tempesta,
E non sono un poeta: ma mai disperare!
Vivrò le folli poesie che mai potrò comporre.

– – –

[1] Shakespeare, King Lear, IV-6:
Half-way down / Hangs one that gathers samphire; dreadful trade!
A mezza costa / sta aggrappato uno che raccoglie finocchio – mestiere spaventoso!

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Funghi di Yuggoth (I-XIV)

Versione amatoriale in versi liberi dei primi 14 sonetti di Fungi from Yuggoth.
L’originale qui: lovecraft.com – – PDF.

– – –

H. P. Lovecraft
Funghi di Yuggoth

I. Il Libro

Il luogo era buio e sporco e sperduto
Nel groviglio dei vecchi vicoli del porto,
Fetente di sconosciuti odori esalati dal mare,
Con strane volute di fumo menate dal vento dell’ovest.
In piccole finestre a losanga, offuscate da fumo e gelo,
S’intravvedevano i libri, in pile simili ad alberi marcescenti,
Ritorti dal pavimento al soffitto, in una congerie
Decadente di vecchia storia svenduta.

Entrai, avvinto, e in un mucchio di ragnatele
Presi il volume più prossimo e lo sfogliai a caso,
Tremando di fronte alle insolite parole che sembravano
Custodire una sorta di segreto, mostruoso se solo svelato.
Poi, in cerca di un commesso esperto del mestiere,
Non udii altro che una voce ghignante.

II. Inseguimento

Mi infilai il libro sotto il cappotto, nell’ansia
Di nasconderlo alla vista di un luogo del genere;
Gettandomi a capofitto fra le vecchie vie del porto
Con ansia mi guardavo ripetutamente alle spalle.
Opache, anonime finestre dentro muri traballanti
Mi puntavano in modo sinistro mentre fuggivo,
E immaginando quel che celavano, mi salì la nostalgia
Di uno scorcio redentore di limpido cielo blu.

Nessuno mi aveva visto rubare l’oggetto – ma ugualmente
Una secca risata riecheggiò come un vortice nella mia testa,
E potevo solo intuire i mondi ottenebrati dalla malattia
In agguato in quel volume delle mie brame.
Il cammino si fece bizzarro – anche i muri ammattivano –
E dietro di me, il rumore ovattato di passi lontani.

III. La Chiave

Io non ricordo più i negletti meandri
Delle rotte bizzarre che mi ricondussero a casa,
Ma fui sull’ingresso e tremai, pallido dalla fretta
Di rientrare e sprangare il portone.
Possedevo il libro che rivelava la via segreta
Attraverso il vuoto e fra gli schermi sospesi
Che controllano i mondi adimensionali,
E riportano gli eoni smarriti ai propri domini.

Finalmente mia era la chiave per quelle vaghe visioni
Di vette e boschi all’imbrunire che scaturivano
Fioche negli abissi oltre i confini di questa terra,
Celandosi come ricordi di infinito.
La chiave era mia, ma mentre sedevo meditabondo,
La finestra della soffitta fu scossa da un debole scricchiolìo.

fungi 1

IV. Presa di Coscienza

Si era di nuovo fatto giorno, quando come un bambino
Vidi – solo per una volta – quelle vecchie querce incavate,
Grigie nella bruma bassa che le soffoca e ne avviluppa
Le forme sfuggenti pregne di follia.
Allo stesso modo – erbe folte e selvatiche
S’avvinghiavano a un altare la cui effigie scolpita invoca
Quell’Innominato a cui ascesero mille fumi,
Eoni defunti, da mucchi di cataste immonde.

Vidi il corpo disteso su quella pietra umida,
E seppi che gli esseri che vi banchettavano non erano umani;
Seppi che quello strano mondo grigio non apparteneva a me,
Ma a Yuggoth, al di là di vuoti stellari – e in quell’istante
Provenne dal corpo un grido atroce di morte,
E troppo tardi mi accorsi che quel grido era mio!

V. Ritorno a Casa

Il demone disse che mi avrebbe ricondotto a casa
Nell’indefinita, fosca terra che a malapena ricordavo
Come un alto sito terrazzato, cinto
Da balaustre di marmo sferzate dai venti,
Mentre miglia più in basso dedali di cupole
E di torri sovrapposte fra loro fino al mare si riversano.
Di nuovo, mi disse, sarei rimasto ipnotizzato
Da quelle antiche altitudini, dallo spumeggiare lontano.

Tutto ciò mi promise, e attraverso le porte del tramonto
Mi trascinò, oltre lo sciabordio dei laghi infuocati,
E i troni d’oro rosso di certi dei senza nome
Che gridano impauriti di fronte a un fato incombente.
Poi un golfo oscuro con il frastuono del mare nella notte:
“Tu dimoravi qui,” mi schernì, “quando ancora possedevi la vista!”

VI. La Lampada

Trovammo la lampada fra le grotte di scogliere il cui cesello
Sarebbe indecifrabile persino a un sacerdote di Tebe,
E dalle cui profondità spaventosi geroglifici
Ammonivano ogni creatura della genìa terrestre.
Non v’era altro – solo quella coppa bronzea
Contenente tracce di uno strano olio;
Ornata da una pergamena con decorazioni misteriose,
E simboli che richiamavano vagamente il peccato.

Noncuranti delle paure di quaranta secoli
Ci assicurammo quel magro bottino,
E quando poi lo analizzammo nella nostra tenda buia
Strofinammo un fiammifero per provare l’antico olio.
S’incendiò – buon Dio! … Ma le forme immense che vedemmo
In quel lampo folle hanno impresso il timore sulle nostre vite.

fungi 2

VII. La Collina di Zaman

La grande collina incombeva sopra alla città vecchia,
A precipizio sul finire della via centrale;
Verde, alta, e boscosa, affacciata cupamente in basso
Verso il campanile sulla curva della strada statale.
Per duecento anni s’è mormorato a proposito
Di quanto accadde sull’impervio pendio –
Racconti a proposito di cervi o uccelli dilaniati,
O di ragazzini scomparsi e famiglie senza più speranza.

Un bel giorno il portalettere non vi trovò più alcun villaggio,
E nemmeno delle case o degli abitanti vi fu più traccia;
Molti arrivavano da Aylesbury per accertarsene –
Ma accusarono comunque il portalettere d’essere
Chiaramente pazzo a dire di avere scorto
Gli occhi voraci della grande collina, e le mandibole spalancate.

VIII. Il Porto

A dieci miglia da Arkham scovai il sentiero
Che segue il crinale sopra Boynton Beach,
E sperai di poter raggiungere giusto al tramonto
La cresta che affaccia su Innsmouth nella valle.
Laggiù in mare una vela si ritirava,
Sbiancata come da anni di antichi e forti venti,
Ma funesta come una sorta di portento taciuto,
Così non salutai con cenni della mano.

State al largo da Innsmouth! secondo la vecchia nomea
Dei tempi passati. Ma ora rapidissima la notte
Si avvicina, ed io ho raggiunto l’altitudine
Da cui tanto sovente scruto la città distante.
Le guglie e i tetti sono là – ma ecco! La tenebra
Cala sulle vie buie, oscura come una tomba!

utpatel innsmouth

Innsmouth by Frank Utpatel

 

IX. Il Cortile

Era la stessa città che già conobbi;
L’antica, lebbrosa città in cui moltitudini bastarde
Pregano dèi bizzarri, e percuotono campane sconsacrate
In cripte situate sotto turpi vicoli presso la riva.
Le marcescenti, ostili costruzioni mi spiavano
Sporgendosi, ubriache e semi-incoscienti,
Mentre fra il sudiciume oltrepassavo il cancello
D’ingresso al cortile desolato dove avrei trovato l’uomo.

I muri neri mi circondarono, e forte bestemmiai
Per essermi ritrovato in un simile covo,
Quando d’improvviso alcune finestre esplosero
D’una forte luce, e s’affollarono di uomini danzanti:
Pazza, silente baldoria di striscianti cadaveri –
E non un corpo che avesse ancora mani o capo!

X. Gli Addestratori di Piccioni

Mi presero nei bassifondi, dove sottili muri di mattoni
S’incurvano trasudando il male di cui sono pregni,
E volti deformi, ammassandosi sporchi e ottusi,
Comunicano con un dio e un diavolo estranei.
Milioni d’incendi divampavano nelle strade,
E dalle altane un manipolo furtivo di addestratori
Faceva volare uccelli malandati nel cielo aperto
Mentre tamburi nascosti rullavano con battiti costanti.

Sapevo che quei fuochi predicevano cose mostruose,
E che quegli uccelli spaziali erano stati Aldilà –
Mi chiesi in quali anfratti oscuri del pianeta facessero la spola,
E cosa portassero da Thog fra le proprie ali.
Gli altri risero – e poi subito ammutolirono
Per quel che s’intravvide in uno dei becchi malvagi.

XI. Il Pozzo

Seth Atwood il contadino aveva più di ottant’anni quando
Provò a scavare quel pozzo profondo accando alla sua porta,
Con il solo Eb ad aiutarlo a perforare e perforare.
Noi ne ridevamo, e speravamo che rinsavisse presto.
E invece, al contrario, anche il giovane Eb impazzì,
Così lo spedirono alla fattoria della contea.
Seth sigillò bene con i mattoni la bocca del pozzo –
Poi si tagliò un’arteria del suo artritico polso sinistro.

Dopo il funerale ci trovammo d’accordo
Nell’andare al pozzo e spaccare i mattoni,
Ma ciò che scovammo furono solo pioli di ferro fissati
Giù nel buco nero fino a una profondità impensabile.
Quindi posammo di nuovo i mattoni – Perché ritenemmo
Quel buco troppo fondo per qualsiasi scandaglio.

XII. L’Urlatore

Mi dissero di non imboccare il sentiero di Brigg’s Hill
Che fungeva una volta da strada maestra per Zoar,
Poiché Goody Watkins, impiccato nel 1704,
Lasciò dietro sé una sorta di eredità mostruosa.
Tuttavia quando disobbedii, e giunsi alla vista
Del casolare presso i vigneti del pendio roccioso,
Non stavo pensando a olmi né a corde appese,
Ma a come potesse la casa sembrare ancora così nuova.

Fermatomi un istante a contemplare la sera,
Sentii deboli ululati, come da una stanza di sopra,
Quando fra l’edera che ricopre i vetri un ultimo raggio
Di sole penetrò, e colpì di sorpresa l’ulratore.
Bastò uno sguardo – e fuggii rapidamente da quel posto,
E da un essere quadrupede dal volto umano.

utpatel yuggoth back

Fungi from Yuggoth (back) by Frank Utpatel

 

XIII. Hesperia

Il tramonto invernale, che da una sfera opaca
Getta fiamme attraverso le guglie e i camini a schiera,
Apre immensi varchi a certe epoche
Di antico splendore e divini desideri.
Imminenti prodigi ardono in quei fuochi abbondanti,
Gravidi d’avventura, e non privi d’un velo di timore;
Una sequenza di sfingi laddove mena la strada
Verso mura e torri che tremano alle distanti lire.

E’ la terra da cui sboccia il significato della bellezza;
Da cui origina ogni ricordo incollocabile;
Da cui sgorga il grande fiume del Tempo
Che scorre nell’immenso vuoto stellato delle ore.
Ci avviciniamo in sogno – ma recita un detto antico
Che mai queste vie furono calpestate da anima viva.

XIV. Brezze Stellari

E’ un istante specifico di ombre crepuscolari,
Specie in autunno, quando la brezza stellare si riversa
Nelle strade di collina, nelle verande deserte
Dalle cui stanze interne filtra inattesa le luce artificiale.
Le foglie morte vorticano in modo bizzarro e fantasioso,
Ed il fumo dai camini s’alza in volute di grazia aliena,
Ubbidienti a geometrie di spazi lontani,
Mentre Formalhaut cala fra le nebbie del sud.

Questo è l’istante in cui i poeti folli vengono a conoscenza
Dei funghi autoctoni di Yuggoth, e dei profumi
E delle tinte floreali proprie dei continenti di Nithon,
Che i miseri giardini terrestri mai sprigionarono.
E per un sogno che su queste brezze giunge a noi,
Altri a decine vengono da esse spazzati via!

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura