Libertà e sregolatezza

La splendida pagina che segue parla delle radici degli Stati Uniti d’America e viene da un libro che disperavo di trovare,  Il coltivatore del Maryland, che invece ho trovato e comprato su internet, a prezzo ragionevole, unica edizione italiana del 1968, in due volumi, usato ma mai letto, le pagine bianche e lisce, la sovraccoperta leggermente ammuffita.

“E poi la provincia [il Maryland] non è l’Inferno, né il Purgatorio, ma soltanto un pezzo del grande mondo come l’Inghilterra – con la differenza, forse, che il suolo è vasto e nuovo dove l’erba locca non l’ha prosciugato, e spesso esprime semi selvatici di energia negli uomini che ci sono rimasti a maggese. Di più, briglie e remore sono poche e deboli; vi crescono egualmente alte piante buone ed erbacce. Ricorda solo questo, se la gente là pare strana e rozza: un uomo soddisfatto dell’Europa difficilmente traverserà l’oceano. La verità è che la maggior parte sono cascami dell’Europa, o figli dei cascami: ribelli falliti, evasi e avventurieri. Getta un seme simile in un simile suolo, e sarebbe insensato aspettarsi un raccolto di professori e cortigiani!”

“Eppure tu parli come uno che ama quel luogo” disse Ebenezer “e ciò mi basta come garanzia che l’amerò anch’io.”

Burlingame alzò le spalle – altra abitudine evidentemente presa nei suoi viaggi. “Forse sì, forse no. C’è una libertà che è insieme benedizione e maledizione, perché significa insieme libertà e sregolatezza. E’ più che la semplice libertà politica e religiosa, che vanno e vengono da un anno all’altro. E’ la libertà filosofica quella di cui io parlo, che deriva da mancanza di storia. Essa abbandona l’uomo alle sue risorse, questa libertà; fa di ciascuno un orfano come me e può demoralizzare, come può elevare.”

(John Barth, Il coltivatore del Maryland, trad. Luciano Bianciardi)

Per me si accosta idealmente a Mason & Dixon di Thomas Pynchon, preannuncio quindi diverse trascrizioni.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Incontri o luoghi, Libri o scrittura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...