Quale sarà il taccuino del Laureato

“Volete mostrarmi qualche taccuino?”
“Certo signore, subito! Che tipo di taccuino avete in mente?”
“Che tipo?” Ripeté Ebenezer. “Ci sono tipi di taccuini dunque? Non lo sapevo. Non importa qualsiasi tipo andrà bene, direi. Mi serve solo per prendere appunti.”
“Appunti lunghi, signore, o corti? […] E questi appunti lunghi e corti li prendete a casa vostra oppure viaggiando? […] Intendete voi fare questi appunti alla scrivania, sia in casa che fuori, oppure li vergate man mano che vi vengono, sia passeggiando che cavalcando e riposando? E se quest’ultimo è il caso, non li vergate mai in vista del pubblico, oppure ve ne infischiate del pubblico, e li scruvete dove più vi piace? E se quest’ultimo è il caso, desiderate che il pubblico vi pensi uomo il cui gusto è evidenziato da tutto ciò ch’egli possiede; il quale sia, possiam dire, innamorato del mondo? Un Geoffrey Chaucer? Un Will Shakespeare? O preferireste che vi prendessero per uno stoico, cui non importa un fico delle sue imperfezioni, ma ha l’occhio sempre fisso alle sempiterne bellezze dello spirito: un Platone, voglio dire, o un Don John Donne? E necessarissimo ch’io lo sappia.”
Ebenezer batté il pugno sul bancone. “Accidenti amico, voi mi state canzonando davvero! E’ una qualche scommessa che avete stretta con quel gentiluomo là per farmi fare la parte dello stolto? […]”
“Me ne guardo, signore, me ne guardo davvero,” supplicò Bragg “e non pensate male di quel gentiluomo là, che mi è perfettamente estraneo.”
“Benissimo. Ma spiegatevi subito e vendetemi un comune taccuino quale un poeta possa trovare utile, il quale è stoico quanto epicureo.”
“Non ho altro desiderio che di fare questo” dichiarò Bragg. “Ma foglio sapere se volete la misura in folio o in quarto. L’in folio, direi, va bene per i poeti, in quanto che un’intera poesia può stare su ciascun recto, dove voi potete vederla tutta assieme.”
“Giusto” riconobbe Ebenezer. “L’in folio va bene.”
“D’altro canto, in quarto si porta in giro più facilmente, particolarmente quando voi camminate o cavalcate.”
“Vero, vero” ammise Ebenezer.
“Allo stesso modo, una legatura in cartone è poco costosa e ha un’aria semplice e schietta; ma la pelle è più resistente per viaggiare, più piacevole a tenere, e più soddisfacente a possederla. Di più, posso darvi fogli non rigati, tali da liberare la fantasia dalle strettezze mondane, adattarsi a ogni grandezza di mano, e fare una pagina bella quando sia scritta; oppure fogli rigati, che risparmiano tempo, aiutano la scrittura in carrozza o a bordo d’una nave, e tengono la pagina ben netta. Infine, voi potete scegliere un libro sottile, facile da portare ma presto pieno, oppure uno spesso, ingombrante in viaggio ma capace di accogliere anni di pensiero fra coperta e coperta. Quale sarà il taccuino del Laureato?”
“Cribbio! Sono completamente confuso! Otto specie di comuni taccuini?”
“Sedici, signore, sedici, se permettete” disse Bragg con orgoglio. “Potete prendere
“Un in folio sottile liscio cartonato,
“Un in quarto sottile liscio cartonato,
“Un in folio sottile liscio in pelle,
“Un in folio sottile rigato cartonato,
“Un in folio spesso liscio cartonato,
“Un in quarto sottile liscio in pelle,
“Un in quarto sottile rigato cartonato,
“Un in quarto spesso liscio cartonato,
“Un in folio sottile rigato in pelle,
“Un in folio spesso rigato cartonato,
“Un in folio spesso liscio in pelle,
“Un in quarto sottile rigato in pelle,
“Un in quarto spesso rigato cartonato,
“Un in quarto spesso liscio in pelle,
“Un in folio spesso rigato in pelle, oppure
“Un in quarto spesso rigato in pelle.”
“Basta!” esclamò Ebenezer, crollando il capo come dal dolore. “Questo è l’Inferno!”
“Posso anche dire che sto aspettando certi bei mezzi marocchini entro la settimana, e se necessario posso procurarvi qualità più o meno ricche di quelle che ho in magazzino.”
“A te sodomita!” gridò Ebenezer sguainando lo spadino. “La tua vita o la mia, perché basta un’altra sola delle tue male opzioni ed io sono morto!”

(John Barth, Il coltivatore del Maryland)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...