Il gioco dell’angelo di Carlos Ruiz Zafón per sentito dire

C’era una volta un giornalista/scrittore dei primi del Novecento che fece un patto con un tizio, che non si capisce bene se fosse un angelo o un demonio. Il patto consisteva nel fatto che il giornalista/scrittore avrebbe dovuto inventarsi una nuova religione e scriverla in un libro. In seguito a questo patto tutti cominciarono a fare terra bruciata intorno al giornalista/scrittore, addirittura qualcuno uccideva le persone a lui care. Per esempio una donna di cui era innamorato, che venne fatta sprofondare nei ghiacci, davanti ai suoi occhi. In seguito al patto, inoltre, il giornalista/scrittore non moriva mai. Tanti anni dopo, passata la seconda guerra mondiale, l’angelo/demonio contattò il giornalista/scrittore e gli fece conoscere una bambina, tale Cristina, che lui vedrà crescere, se ne innamorerà, infine la vedrà morire, in quanto condannato all’immortalità.

Puntata precedente: Un best seller dell’estate così come me lo hanno spiegato

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...