Rebus

Leggendo Georges Perec, enigmista oltre che scrittore, ho capito che i rebus in francese hanno una procedura di interpretazione diversa da quelli in italiano. Sono sempre un incastro di parole, ma giocano anche sulla pronuncia. Esempi tratti da La vita istruzioni per l’uso con relative note del traduttore:

Un disegno che mostra una specie di bisturi, un’insalata e un ratto… la cui soluzione [è]: l’Anno VII li ucciderà. 

Intraducibile: lancette (bisturi), laitue (lattuga) e rat (ratto), la pronuncia è la stessa di l’An Sept les tuera. [N.d.T.]

E poi:

L’ultimo raffigura un fiume; sulla prua di una barca, una donna seduta lussuosamente vestita, circondata da sacchi d’oro, scrigni socchiusi traboccanti di gioielli; ha la lettera S al posto della testa; a poppa, in piedi, un personaggio maschile con la corona comitale funge da traghettatore; sul suo mantello sono ricamate le lettere ENTEMENT. Soluzione: “Chi si contenta gode”.

Intraducibile: in francese il proverbio Contentement passe richesse, suona Compt (conte) ENTEMENT passe (da traghettatore, il nostro antico passatore) richESSE. [N.d.T.]

perec

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...