Pet Sematary

bisturi

Pet Sematary è una delle storie più classiche di paura di S. King, in cui un padre di famiglia trova il modo di riportare in vita i morti. Ma non è solo un’avventura moderatamente splatter, c’è un livello di lettura un po’ più consistente. L’anziano saggio spiega al protagonista che è meglio accettare la morte punto e basta, perché la rinascita è innaturale, ma purtroppo non riesce a convincerlo. Gli indiani in effetti avevano capito che la rinascita portava guai e avevano maledetto il pezzo di terra in cui i sepolti risorgevano. Il protagonista invece, che incarna una mentalità irrimediabilmente occidentale, non sa affrontare l’idea della morte. Non sa nemmeno rispondere alle domande di sua figlia sulla morte del gatto, ad esempio. Piuttosto di affrontare le situazioni decide di intraprendere l’impresa impossibile di cancellarle, fare finta che non siano mai esistite. Quando vìola il cimitero sacro si becca una maledizione e inizia un susseguirsi di scelte sbagliate che portano al massacro.

pet sematary

Pet Sematary è anche un film di Mary Lambert del 1989 che ho rivisto oggi stesso.

stephen king

Cameo di Stephen King nella parte del prete

La colonna sonora contiene un paio di canzoni dei Ramones, di cui una scritta appositamente per il film. Il video è eccezionale:

Nei commenti ho copia-incollato la prima pagina del libro, un bell’incipit.

Annunci

1 Commento

Archiviato in *Fabrizio, Film o telefilm, Libri o scrittura

Una risposta a “Pet Sematary

  1. viapozzo6

    Ci sono alcune persone che hanno scritto libri, raccontando quello che hanno fatto e perchè lo hanno fatto.

    John Dean, Henry Kissinger, Adolph Hitler, Caryl Chessman, Jeb Magruder, Napoleone, Talleyrand, Disraeli, Robert Zimmerman, meglio conosciuto com Bob Dylan, Locke, Charlton Heston, Errol Flynn, l’Ayatollah Khomeini, Gandhi, Charles Olson, Charles Colson, un gentiluomo del periodo vittoriano, il dottor X.

    Molti credono inoltre che Dio abbia scritto un libro, o molti libri, raccontando che cosa ha fatto e perchè, almeno fino a un certo punto, ha fatto queste cose, e poichè la maggior parte di queste persone crede che gli essere umani siano stati fatti a immagine di Dio, allora anche Lui può essere considerato una persona… o, per meglio dire, come una Persona.

    Ci sono alcune persone che non hanno scritto libri per raccontarci che cosa fecero… e che cosa videro:
    L’uomo che seppellì Hitler. L’uomo che eseguì l’autopsia a John Wilkes Booth. L’uomo che imbalsamò Elvis Presley. L’uomo che imbalsamò – male, come dicono molti impresari di pompe funebri – Papa Giovanni XXIII. La quarantina di becchini che ripulirono Jonestown, trasportando sacche di cadaveri, infilzando bicchieri di carta con quei bastoni appuntiti che usano i custodi dei parchi cittadini, scacciando via le mosche. L’uomo che cremò William Holden. L’uomo che rivestì d’oro il cadavere di Alessandro Magno affinchè non marcisse. Gli uomini che mummificarono i Faraoni.

    La morte è un mistero e la sepoltura è un segreto.

    Stephen King, “Pet Sematary”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...