Poesia di Cogni

Catülu e mé

Sum mia stè mé a tradü
in piasintái al Catülu.
L’é stè ’l Catülu
tradü am mé in latái.

Ferdinando Cogni, un importante poeta piacentino, e una scrittura del dialetto completamente diversa dagli altri poeti piacentini famosi e importanti. Questo volume l’ho trovato in biblioteca. Le sue versioni di Catullo, per il momento, non le ho ancora trovate. Solo qualcosa in rete, che subito mi accaparro e incollo qui sotto.

libri 1

Catullo, carme 5
(traduzione di Ferdinando Cogni)

Vivúm, la me Lesbia, e fum l’amur,
e il ciàciar tüt di vec muralista
dumg’al valur d’un sòd.
I suj i van e i végnan:
nói, una vòta andè cla poca lüz,
um da dorm’una not sáisa fái.
Dam mil basái, po sáit,
po ètar mil, po ètar sáit,
po mil e mil ancúra, po sáit.
Po, quand n’arúm fat bòta mièra,
ingarbujúmia d’an savíja,
che queldói c’ag vól mèl al na ga stría,
saví ch’j’én tant.

Catullo, carme 5
(traduzione di Enzo Mazza)

Viviamo e amiamo, Lesbia mia, né mai
ci tocchino i sussurri e le calunnie
dei vecchi arcigni. Possono cadere
e risorgere i soli: quando spenta
sarà per noi la breve luce, avremo
il sonno d’una notte senza fine.
Baciami mille volte e quindi cento,
poi altre mille e subito altre cento,
e mille volte ancora e ancora cento.
Quando molte saranno le migliaia,
ne perderemo il conto frammischiandole,
sì che alcun tristo non ci porti invidia
conoscendo il gran numero dei baci.

Catullo, carme 7
(traduzione di Ferdinando Cogni)

Lesbia, ‘t ma dmand quanta di to basái
sarísia basta sasièm e vansèna.
’Ma j’én il sàbi ’c s’a slerga a Cirene,
’c prudüsa ’l silfiu,
tra l’uràcul ad Giove infughè
e ’l sant sepulcar dal Bàtu antíg;
o i stól a rüd, quand tèsa la not,
i vòdn’il còpi cuciè inda scür;
tsé tant basái basè da té
n’à sé e n’in vansa ’l Catülu mat:
tant che i cüriús in ga pósan fè ’l cóit
e una linguàsa trèg al maloc.

Catullo, carme 7
(traduzione di Enzo Mazza)

Tu chiedi, Lesbia, quanti dei tuoi baci
possano farmi sazio e più che sazio.
Quanti granelli hanno le arene libiche
dove Cirene sta ricca di silfio,
tra l’oracolo torrido di Giove 5
e il sacro avello dell’antico Batto;
o quante stelle guardano i furtivi
amori degli uomini, quando tace
la notte: tanti baci sazierebbero
il tuo folle Catullo, e così il numero 10
non potrebbe saperne l’invidioso,
né un malvagio incantesimo gettarvi.

Catullo, carme 101
(traduzione di Ferdinando Cogni)

Pasè tèr e mèr, mèr e tèr,
écun ché a sta péna d’ufísi, fradél,
a fèt l’ültim presáit ad la mort
e dí gnint a la sónar müta,
zà che ’l dastái al ta m’à purtè via,
al ta m’à purtè via, pòr fradél, c’ l’èva mia.
Dés tó chisti, a l’üsansa di vèc,
trist righèj a una tomba:
cétia, bòta bagn dil me lacrim,
e par sáipar adiu, fradél.

Catullo, carme 101
(traduzione di Enzo Mazza)

Per molte genti e molte acque marine,
vengo, fratello, a questo pietoso rito,
per renderti l’estremo dono di morte
e dire vane parole al muto cenere,
poiché la sorte proprio te m’ha tolto,
ahi, misero fratello, crudelmente.
Ora le offerte funebri che reco,
mesto dono, seguendo l’antico uso dei padri,
ricevi colme di fraterno pianto,
e a te sempre ave, fratello, e addio.

Annunci

2 commenti

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

2 risposte a “Poesia di Cogni

  1. Anonimo

    te le presto io se vuoi. francesco

  2. viapozzo6

    volentieri, se per caso ci vediamo in giro e tu per caso ce l’hai con te…. grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...