Meat Puppets per voi

meat puppets

I Meat Puppets sono un gruppo americano dell’Arizona che molti conosceranno come ospite dei Nirvana nel famoso concerto MTV Unplugged (1994) e che, come la maggior parte dei gruppi alternativi di quei tempi, ha avuto seri problemi di eroina e altre droghe.

Ho ascoltato per voi quasi tutta la loro produzione.

II

Il primo album per avvicinarsi alla discografia è Meat Puppets II, del 1984. E’ il più pazzo e suonato peggio, in pieno stile underground… o Velvet Underground, come nella canzone Climbing. Le tre canzoni riprese dai Nirvana sono tutte su questo album e sono eccezionali nella loro versione originale: Lake of fireOh mePlateau. Altre canzoni sono praticamente country, e il risultato complessivo è abbastanza originale.

mirage

Ho capito, dopo una rapida carrellata di ascolti, che l’album più sbalorditivo è Mirage del 1987. Arrangiato completamente con suoni di chitarra puliti, pur essendo molto “anni ’80” è anche molto attuale, e contiene le canzoni più belle in assoluto dei Meat Puppets (The wind and the rain, The mighty zero, ecc). In alcune se chiudo gli occhi mi sembra davvero di sentire i Nirvana, ante litteram, in un universo parallelo (Mirage, Get on down, ecc).

monsters

Anche altri album successivi, soprattutto l’ottimo Monsters del 1989, anticipano e introducono il “grunge” degli anni successivi: Bleach, gli Alice in Chains, ecc. Credo che proprio il successo di quella musica negli anni ’90 abbia spinto i Meat Puppets a produrre i seguenti album in modo più rock e conformista, facendoli sembrare tristemente una fotocopia degli Alice in Chains. Ascoltare per credere Too high to die, il loro maggiore successo, pubblicato sulla scia dell’Unplugged coi Nirvana, e anche No joke! del 1995. Mi sono intristito e non ho ascoltato niente di più recente (stanno pubblicando materiale ancora oggi, nonostante alcuni scioglimenti).

Le cose migliori rimangono per me quelle degli anni ’80, con l’etichetta SST: i già citati II, Mirage e Monsters, molto diversi fra loro, ma anche questi altri due: Huevos (1987, ruvido ma allegro) e Up on the sun (1985, più simile a Mirage).

huevos  up on the sun

In tutto il bilancio è di 4-5 dischi molto belli, di cui almeno un paio memorabili.

Questo è un sito in cui si possono trovare curiosità e rarità: derrickbostrom.net. E’ gestito dall’ex batterista della band e contiene alcune chicche, come registrazioni d’epoca scaricabili, o come l’archivio di flyer dal 1980 al 1993:

archive

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Musica o radio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...