Variazioni Goldberg

Glenn Gould che suona le “variazioni Goldberg” di Bach, l’opera pianistica su cui è incentrato il libro Il soccombente che abbiamo già citato.

Sempre dal Soccombente di Bernhard un passo molto bello che parla del meccanismo dell’infelicità cronica:

Pur essendo in molte cose più fine e sensibile di me, finiva sempre per armarsi, fu questo il suo errore più grande, di sentimenti sbagliati, insomma era un vero soccombente, pensai.
(…)
In verità sono molte le persone che proprio perché profondamente immerse nella loro infelicità, in fondo sono
felici, pensai, e dissi a me stesso che forse Wertheimer è stato davvero felice perché della propria infelicità è stato
consapevole in ogni momento e di essa si è potuto rallegrare.
Ad un tratto il pensiero che egli avesse paura di perdere la propria infelicità per un qualsiasi motivo a me ignoto, e che per questo si fosse recato a Coira e poi a Zizers per togliersi la vita, ad un tratto questa idea non mi parve per niente assurda.

il soccombente

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura, Musica o radio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...