Vincenzo Consolo

Vincenzo Consolo, scrittore che ho scoperto perché originario di Sant’Agata di Militello (Messina), un paesello a cui sono legato.

la ferita dell'aprile

Ed era una vera musica negli orecchi, una melodia quello scorrere dolcissimo di parlar toscano. Volete ammansire un violento, levargli il coltello dalla mano, volete ciurmarlo come i vermi nella pancia dei bambini? Parlate, parlate continentale. Qui, dove tutto è aspro spesso e forte, la campagna il sole i visi e le parole, patre e matre rumori di pietre che cozzano tra loro, qui ci incantiamo per le cose lievi, i bambini le donne i suoni sciolti, fruscianti come seta.

La ferita dell’Aprile è ambientato ad Acquedolci, lo si capisce anche se il paese non viene mai nominato.

Esercizi di cronaca invece è una raccolta di articoli, bellissima la sezione sul “processo Vinci”.

esercizi di cronaca

E poi, l’incipit di Retablo, che richiama così tanto quello di Lolita di Nabokov:

Rosalia. Rosa e lia. Rosa che ha inebriato, rosa che ha confuso, rosa che ha sventato, rosa che ha ròso, il mio cervello s’è mangiato. Rosa che non è rosa, rosa che è datura, gelsomino, bàlico e viola; rosa che è pomelia, magnolia, zàgara e cardenia. Poi il tramonto, al vespero, quando nel cielo appare la sfera opalina, e l’aere sfervora, cala misericordia di frescura e la brezza del mare valica il cancello del giardino, scorre fra colonnette e palme del chiostro in clausura, coglie coinvolge, spande odorosi fiati, olezzi distillati, balsami grommosi. Rosa che punto m’ha, con la sua spina velenosa in su nel cuore.
Lia che m’ha liato la vita come il cedro o la lumìa il dente, liana di tormento, catena di bagno sempiterno, libame oppioso, licore affatturato, letale pozione, lilio dell’inferno che credei divino, lima che sordamente mi corrose l’ossa, limaccia che m’invischiò nelle sue spire, lingua che m’attassò come angue che guizza dal pietrame, lioparda imperiosa, lippo dell’alma mia, liquame nero, pece dov’affogai, per mia dannazione. Corona di delizia e di tormento, serpe che addenta la sua coda, serto senza inizio e senza fine, rosario d’estasi, replica viziosa, bujo precipizio, pozzo di sonnolenza, cieco vagolare, vacua notte senza lume, Rosalia, sangue mio, mia nimica, dove sei?

[Lolita, light of my life, fire of my loins. My sin, my soul. Lo-lee-ta: the tip of the tongue taking a trip of three steps down the palate to tap, at three, on the teeth. Lo. Lee. Ta. She was Lo, plain Lo, in the morning, standing four feet ten in one sock. She was Lola in slacks. She was Dolly at school. She was Dolores on the dotted line. But in my arms she was always Lolita. Did she have a precursor? She did, indeed she did. In point of fact, there might have been no Lolita at all had I not loved, one summer, an initial girl-child. In a princedom by the sea. Oh when? About as many years before Lolita was born as my age was that summer. You can always count on a murderer for a fancy prose style. Ladies and gentlemen of the jury, exhibit number one is what the seraphs, the misinformed, simple, noble-winged seraphs, envied. Look at this tangle of thorns.]

_ _ _ _ _

Curiosando su parole siciliane utilizzate da Consolo, appunto qui l’interessante spiegazione dell’àccipe (da L’accipe e il colibrì – linguaggio ed ethos in Andrea Camilleri, di Tullio De Mauro):

Accipe.png

Annunci

1 Commento

Archiviato in *Fabrizio, Libri o scrittura

Una risposta a “Vincenzo Consolo

  1. filippo

    Il sorriso dell’ignoto marinaio, uno dei 10 libri da salvare del novecento italiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...