Il fascino del difficile

Altre poesie di William B. Yeats, con i miei soliti tentativi di traduzione.
Immagini da “The notebook of Willian Blake” (British Library), click per ingrandire su ogni immagine.

The Notebook of William Blake

 

THE FASCINATION OF WHAT’S DIFFICULT

The fascination of what’s difficult
Has dried the sap out of my veins, and rent
Spontaneous joy and natural content
Out of my heart. There’s something ails our colt
That must, as if it had not holy blood
Nor on Olympus leaped from cloud to cloud,
Shiver under the lash, strain, sweat and jolt
As though it dragged road-metal. My curse on plays
That have to be set up in fifty ways,
On the day’s war with every knave and dolt,
Theatre business, management of men.
I swear before the dawn comes round again
I’ll find the stable and pull out the bolt.

IL FASCINO DEL DIFFICILE

Il fascino del difficile
Ha prosciugato della linfa le mie vene, ha strappato
La gioia spontanea e l’istintivo piacere
Dal mio cuore. Il nostro puledro è afflitto
E deve, come non fosse santificato il suo sangue
Né balzato sull’Olimpo di nube in nube,
Tremare sotto la sferza, teso, sudato e scosso
Come se trainasse piombo. Maledico i drammi
Che richiedono cinquanta messe in scena,
E la guerra quotidiana con furfanti e stolti,
Gli intrallazzi teatrali, lo sfruttamento d’uomini.
Giuro che prima del sorgere del sole
Troverò la stalla e aprirò il chiavistello.

The Notebook of W. Blake

FALLEN MAJESTY

Although crowds gathered once if she but showed her face,
And even old men’s eyes grew dim, this hand alone,
Like some last courtier at a gypsy camping-place
Babbling of fallen majesty, records what’s gone.

These lineaments, a heart that laughter has made sweet,
These, these remain, but I record what’s gone. A crowd
Will gather, and not know it walks the very street
Whereon a thing once walked that seemed a burning cloud.

MAESTA’ DECADUTA

Quantunque il volto di lei un tempo riunisse folle con il solo mostrarsi,
E annebbiasse pure gli occhi più anziani, quest’unica mano,
Come una sorta di ultimo cortigiano in un campo di zingari
Cianciante di maestà decaduta, annota ciò che più non è.

Questi lineamenti, un cuore reso dolce dal riso,
Questi, questi restano, ma io annoto ciò che più non è. Una folla
Sarà riunita, non sapendo di percorrere proprio la strada
Un tempo percorsa da qualcosa di simile a una nuvola in fiamme.

The Notebook of W.Blake

ADAM’S CURSE

We sat together at one summer’s end,
That beautiful mild woman, your close friend,
And you and I, and talked of poetry.
I said, ‘A line will take us hours maybe;
Yet if it does not seem a moment’s thought,
Our stitching and unstitching has been naught.

Better go down upon your marrow-bones
And scrub a kitchen pavement, or break stones
Like an old pauper, in all kinds of weather;
For to articulate sweet sounds together
Is to work harder than all these, and yet
Be thought an idler by the noisy set
Of bankers, schoolmasters, and clergymen
The martyrs call the world.’

And thereupon
That beautiful mild woman for whose sake
There’s many a one shall find out all heartache
On finding that her voice is sweet and low
Replied, ‘To be born woman is to know—
Although they do not talk of it at school—
That we must labour to be beautiful.’

I said, ‘It’s certain there is no fine thing
Since Adam’s fall but needs much labouring.
There have been lovers who thought love should be
So much compounded of high courtesy
That they would sigh and quote with learned looks
Precedents out of beautiful old books;
Yet now it seems an idle trade enough.’

We sat grown quiet at the name of love;
We saw the last embers of daylight die,
And in the trembling blue-green of the sky
A moon, worn as if it had been a shell
Washed by time’s waters as they rose and fell
About the stars and broke in days and years.

I had a thought for no one’s but your ears:
That you were beautiful, and that I strove
To love you in the old high way of love;
That it had all seemed happy, and yet we’d grown
As weary-hearted as that hollow moon.

LA MALEDIZIONE DI ADAMO

Insieme sedemmo sul finir d’estate,
Quella donna bella e mite, tua cara amica,
E tu ed io, a parlare di poesia.
Dissi, ‘Un verso potrà prenderci ore;
Per quanto non sembri un pensiero istintivo,
Tutto il nostro scucire e imbastire è stato vano.

Meglio buttarsi sulle ginocchia
E sfregare il pavimento d’una cucina, o spaccare pietre
Come un poveraccio, qualunque sia il clima;
Poiché intrecciare armoniosamente i suoni
E’ lavoro più duro di quelli, sebbene
Creduto ozio da tutta la schiera chiassosa
Di banchieri, professori, e preti
Che i martiri chiamano mondo.’

A quel punto
La donna bella e mite per amor della quale
Non pochi proverebbero il batticuore
Scoprendone la voce morbida e pacata
Rispose, ‘Nascere donna significa sapere—
Sebbene non venga insegnato a scuola—
Che l’esser belli richiede lavoro.’

Dissi, ‘Di sicuro non c’è cosa buona,
Sin dal peccato d’Adamo, che non richieda lavoro.
Alcuni amanti han talmente creduto che l’amore debba
Compendiarsi con l’estrema cortesia
Ch’essi potrebbero citare in lacrime
I precedenti imparati da libri bellissimi;
Cosa che pare piuttosto una perdita di tempo.’

Il nome dell’amore ci distese ancor di più;
Vedemmo morire le ultime balugini del giorno,
E nel vibrante verde-acqua del cielo
Una luna, slavata come fosse una conchiglia
Consunta dalle acque del tempo che s’innalzano
E s’infrangono per giorni e poi anni fra le stelle.

Ebbi un pensiero concepito per le sole nostre orecchie:
Che eri bellissima, e che era per me una lotta
Amarti nell’antico e nobile modo d’amare;
Che rendeva tutto gaio, ma rendeva noi
Esausti nel cuore come quella cupa luna.

The Notebook of William Blake

 

A DREAM OF DEATH

I DREAMED that one had died in a strange place
Near no accustomed hand,
And they had nailed the boards above her face,
The peasants of that land,
Wondering to lay her in that solitude,
And raised above her mound
A cross they had made out of two bits of wood,
And planted cypress round;
And left her to the indifferent stars above
Until I carved these words:
She was more beautiful than thy first love,
But now lies under boards.

UN SOGNO DI MORTE

Ho sognato una che moriva in un posto strano
Fra mani inesperte,
E le avevano inchiodato assi davanti alla faccia,
I contadini di quel paese,
Vagando per posarla in quella solitudine,
E sul suo tumulo innalzavano
Una croce ricavata da due pezzi di legno,
E vi piantavano un cipresso;
E la lasciavano sotto stelle indifferenti
Allorché scolpivo queste parole:
Fu ancor più bella del tuo primo amore
Ma sotto le assi ora riposa.

The Notebook of William Blake

 

THE MASK

‘PUT off that mask of burning gold
With emerald eyes.’
‘O no, my dear, you make so bold
To find if hearts be wild and wise,
And yet not cold.’

‘I would but find what’s there to find,
Love or deceit.’
‘It was the mask engaged your mind,
And after set your heart to beat,
Not what’s behind.’

‘But lest you are my enemy,
I must enquire.’
‘O no, my dear, let all that be;
What matter, so there is but fire
In you, in me?’

LA MASCHERA

‘Getta via quella maschera d’oro fiammante
Con occhi di smeraldo.’
‘Oh no, caro mio, sii altrettanto ardito
Nella ricerca di cuori saggi e selvaggi,
Che non siano freddi.’

‘Vorrei solo trovare quel che c’è davvero,
Amore o inganno.’
‘Fu la maschera che attirò la tua mente,
E che ti procurò il batticuore,
Non ciò che vi sta dietro.’

‘Ma in caso mi fossi nemica,
Debbo indagare.’
‘Oh no, caro mio, lascia perdere;
Che importa, se v’è fuoco in te,
Che vi sia in me?’

The Notebook of W. Blake

THE MAN AND THE ECHO

Man
In a cleft that’s christened Alt
Under broken stone I halt
At the bottom of a pit
That broad noon has never lit,
And shout a secret to the stone.
All that I have said and done,
Now that I am old and ill,
Turns into a question till
I lie awake night after night
And never get the answers right.
Did that play of mine send out
Certain men the English shot?
Did words of mine put too great strain
On that woman’s reeling brain?
Could my spoken words have checked
That whereby a house lay wrecked?
And all seems evil until I
Sleepless would lie down and die.

Echo
Lie down and die.

Man
That were to shirk
The spiritual intellect’s great work,
And shirk it in vain. There is no release
In a bodkin or disease,
Nor can there be work so great
As that which cleans man’s dirty slate.
While man can still his body keep
Wine or love drug him to sleep,
Waking he thanks the Lord that he
Has body and its stupidity,
But body gone he sleeps no more,
And till his intellect grows sure
That all’s arranged in one clear view,
Pursues the thoughts that I pursue,
Then stands in judgment on his soul,
And, all work done, dismisses all
Out of intellect and sight
And sinks at last into the night.

Echo
Into the night.

Man
O Rocky Voice,
Shall we in that great night rejoice?
What do we know but that we face
One another in this place?
But hush, for I have lost the theme,
Its joy or night seem but a dream;
Up there some hawk or owl has struck,
Dropping out of sky or rock,
A stricken rabbit is crying out,
And its cry distracts my thought.

L’UOMO E L’ECO

Uomo
In un crepaccio battezzato l’Altura
Mi fermo sotto una roccia spaccata
Nel fondo di una cavità
Che mai vide luce di mezzogiorno,
E a quella roccia grido un segreto.
Tutto ciò che ho detto e fatto,
Ora che sono vecchio e malato,
Diventa un interrogativo
Che mi tiene sveglio ogni notte
Senza mai una risposta.
La mia messa in scena avrà davvero
Portato quegli uomini sotto il fuoco Inglese?
Le mie parole avranno troppo affaticato
La mente instabile di quella donna?
Le mie parole se pronunziate avrebbero
Rallentato il crollo d’una casa?
Tutto sembra malvagio finché
Insonne non giaci e muori.

Eco
Giaci e muori.

Uomo
Sarebbe come evitare
Il gran lavoro spirituale dell’intelletto,
E volerlo evitare invano. Non v’è riscatto
In un pugnale o una malattia,
E non v’è impresa più grande
Di ripulire la fedina sporca dell’uomo.
Finché l’uomo può tenersi un corpo
E’ amore o vino la droga che lo culla,
E al risveglio ringrazia Dio
D’avere corpo e stoltezza,
Ma orfano del corpo egli non dorme più,
E finché il suo intelletto non è convinto
Che tutto ha un chiaro proposito,
Segue i miei stessi pensieri,
E rimette in discussione la propria anima,
E, a lavoro compiuto, tutto quanto licenzia
Dall’intelletto e dalla vista
Per poi sprofondare nella notte.

Eco
Nella notte.

Uomo
Oh Voce della Roccia,
Gioiremo forse in quella grande notte?
Cosa sappiamo oltre al fatto
Che là dovremo reincontrarci?
Ma ora zitta, ché ho perduto il filo,
La gioia e la notte sembrano solo un sogno;
Da lassù in picchiata una sorta di falco o gufo
E’ sbucato fra le roccie o dal cielo,
Un coniglio catturato sta gridando,
Ed il suo gridare mi distrae il pensiero.

The Notebook of William Blake

POLITICS

‘In our time the destiny of man presents its meaning in
political terms.’—THOMAS MANN

How can I, that girl standing there,
My attention fix
On Roman or on Russian
Or on Spanish politics?
Yet here’s a travelled man that knows
What he talks about,
And there’s a politician
That has read and thought,
And maybe what they say is true
Of war and war’s alarms,
But O that I were young again
And held her in my arms!

POLITICA

‘Nel nostro tempo il destino dell’uomo rivela il proprio significato
in termini politici.’-THOMAS MANN

Come posso io, con la ragazza qui presente,
Focalizzare l’attenzione
Sulla politica romana
O russa o spagnola?
Eppure ho qui un uomo navigato che sa
Di che parla,
Ed un politicante
Che ha tanto letto e pensato,
E forse è vero ciò che dicono
Di guerre e sentori di guerre,
Ma oh se fossi ancora giovane
E potessi prenderla fra le braccia!

The Notebook of William Blake

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...