“A woman young and old”

W. B. YEATS
A WOMAN YOUNG AND OLD

I. FATHER AND CHILD

SHE hears me strike the board and say
That she is under ban
Of all good men and women,
Being mentioned with a man
That has the worst of all bad names;
And thereupon replies
That his hair is beautiful,
Cold as the March wind his eyes.

II. BEFORE THE WORLD WAS MADE

IF I make the lashes dark
And the eyes more bright
And the lips more scarlet,
Or ask if all be right
From mirror after mirror,
No vanity’s displayed:
I’m looking for the face I had
Before the world was made.

What if I look upon a man
As though on my beloved,
And my blood be cold the while
And my heart unmoved?
Why should he think me cruel
Or that he is betrayed?
I’d have him love the thing that was
Before the world was made.

III. A FIRST CONFESSION

I ADMIT the briar
Entangled in my hair
Did not injure me;
My blenching and trembling,
Nothing but dissembling,
Nothing but coquetry.

I long for truth, and yet
I cannot stay from that
My better self disowns,
For a man’s attention
Brings such satisfaction
To the craving in my bones.

Brightness that I pull back
From the Zodiac,
Why those questioning eyes
That are fixed upon me?
What can they do but shun me
If empty night replies?

IV. HER TRIUMPH

I DID the dragon’s will until you came
Because I had fancied love a casual
Improvisation, or a settled game
That followed if I let the kerchief fall:
Those deeds were best that gave the minute wings
And heavenly music if they gave it wit;
And then you stood among the dragon-rings.
I mocked, being crazy, but you mastered it
And broke the chain and set my ankles free,
Saint George or else a pagan Perseus;
And now we stare astonished at the sea,
And a miraculous strange bird shrieks at us.

V. CONSOLATION

O BUT there is wisdom
In what the sages said;
But stretch that body for a while
And lay down that head
Till I have told the sages
Where man is comforted.

How could passion run so deep
Had I never thought
That the crime of being born
Blackens all our lot?
But where the crime’s committed
The crime can be forgot.

VI. CHOSEN

THE lot of love is chosen. I learnt that much
Struggling for an image on the track
Of the whirling Zodiac.
Scarce did he my body touch,
Scarce sank he from the west
Or found a subterranean rest
On the maternal midnight of my breast
Before I had marked him on his northern way,
And seemed to stand although in bed I lay.

I struggled with the horror of daybreak,
I chose it for my lot! If questioned on
My utmost pleasure with a man
By some new-married bride, I take
That stillness for a theme
Where his heart my heart did seem
And both adrift on the miraculous stream
Where— wrote a learned astrologer—
The Zodiac is changed into a sphere.

VII. PARTING

He. Dear, I must be gone
While night shuts the eyes
Of the household spies;
That song announces dawn.

She. No, night’s bird and love’s
Bids all true lovers rest,
While his loud song reproves
The murderous stealth of day.

He. Daylight already flies
From mountain crest to crest

She. That light is from the moon.

He. That bird …

She. Let him sing on,
I offer to love’s play
My dark declivities.

VIII. HER VISION IN THE WOOD

DRY timber under that rich foliage,
At wine-dark midnight in the sacred wood,
Too old for a man’s love I stood in rage
Imagining men. Imagining that I could
A greater with a lesser pang assuage
Or but to find if withered vein ran blood,
I tore my body that its wine might cover
Whatever could recall the lip of lover.

And after that I held my fingers up,
Stared at the wine-dark nail, or dark that ran
Down every withered finger from the top;
But the dark changed to red, and torches shone,
And deafening music shook the leaves; a troop
Shouldered a litter with a wounded man,
Or smote upon the string and to the sound
Sang of the beast that gave the fatal wound.

All stately women moving to a song
With loosened hair or foreheads grief-distraught,
It seemed a Quattrocento painter’s throng,
A thoughtless image of Mantegna’s thought—
Why should they think that are for ever young?
Till suddenly in grief’s contagion caught,
I stared upon his blood-bedabbled breast
And sang my malediction with the rest.

That thing all blood and mire, that beast-torn wreck,
Half turned and fixed a glazing eye on mine,
And, though love’s bitter-sweet had all come back,
Those bodies from a picture or a coin
Nor saw my body fall nor heard it shriek,
Nor knew, drunken with singing as with wine,
That they had brought no fabulous symbol there
But my heart’s victim and its torturer.

IX. A LAST CONFESSION

WHAT lively lad most pleasured me
Of all that with me lay?
I answer that I gave my soul
And loved in misery,
But had great pleasure with a lad
That I loved bodily.

Flinging from his arms I laughed
To think his passion such
He fancied that I gave a soul
Did but our bodies touch,
And laughed upon his breast to think
Beast gave beast as much.

I gave what other women gave
That stepped out of their clothes.
But when this soul, its body off,
Naked to naked goes,
He it has found shall find therein
What none other knows,

And give his own and take his own
And rule in his own right;
And though it loved in misery
Close and cling so tight,
There’s not a bird of day that dare
Extinguish that delight.

X. MEETING

HIDDEN by old age awhile
In masker’s cloak and hood,
Each hating what the other loved,
Face to face we stood:
‘That I have met with such,’ said he,
‘Bodes me little good.’

‘Let others boast their fill,’ said I,
‘But never dare to boast
That such as I had such a man
For lover in the past;
Say that of living men I hate
Such a man the most.’

‘A loony’d boast of such a love,’
He in his rage declared:
But such as he for such as me—
Could we both discard
This beggarly habiliment—
Had found a sweeter word.

XI. FROM THE ‘ANTIGONE’

OVERCOME — O bitter sweetness,
Inhabitant of the soft cheek of a girl—
The rich man and his affairs,
The fat flocks and the fields’ fatness,
Mariners, rough harvesters;
Overcome Gods upon Parnassus;

Overcome the Empyrean; hurl
Heaven and Earth out of their places,
That in the Same calamity
Brother and brother, friend and friend,
Family and family,
City and city may contend,
By that great glory driven wild.

Pray I will and sing I must,
And yet I weep—Oedipus’ child
Descends into the loveless dust.

– – –

Italo Cremona - Capelli e criniera

Italo Cremona – Capelli e criniera – Accademia Albertina Torino

– – –

Traduzione amatoriale:

W. B. YEATS
UNA DONNA GIOVANE E VECCHIA

I. PADRE E FIGLIA

Mi sente colpire il bancone e dire
Che avrà chiuso
Con uomini e donne per bene,
Se prenderà il nome d’un uomo
Che ha il peggiore dei nomi;
E allora risponde
Che lui ha capelli bellissimi,
E occhi freddi come il vento marzolino.

II. PRIMA CHE IL MONDO FOSSE CREATO

Se mi faccio ciglia scure
Ed occhi più chiari
E labbra più rosse,
O se chiedo come sto
A uno specchio dopo l’altro,
Non ostento vanità:
Sto cercando il volto che avevo
Prima che il mondo fosse creato.

Che male c’è se guardo un uomo
Come fosse il mio innamorato,
E il mio sangue si raggela
E il mio cuore si ferma?
Perché dovrebbe credermi cattiva
O sentirsi tradito?
Lo vorrei innamorato di qualcosa che fu
Prima che il mondo fosse creato.

III. UNA PRIMA CONFESSIONE

Ammetto che l’erica
Che m’impigliò i capelli
Non mi ferì;
Il mio indugio e miei tremiti,
Solo dissimulazione,
Solo civetteria.

Io bramo l’onestà, ma
Non so far mio
Ciò che nell’intimo ripudio,
Poiché le attenzioni di un uomo
Sono l’estrema soddisfazione
Del desiderio nelle mie ossa.

Sottraggo luminosità
Allo Zodiaco,
Perché quegli occhi interrogativi
Puntati su di me?
Non dovrebbero evitarmi
Se il vuoto della notte hanno in risposta?

IV. IL TRIONFO

Seguivo l’istinto del drago prima del tuo arrivo
Poiché mi figuravo l’amore come una casuale
Improvvisazione, o un gioco convenzionale
Che ti insegue se lasci cadere il fazzoletto:
Il meglio che potesse dare erano ali
E musica celestiale se vissuto con brio;
Allora ti trovasti a fronteggiare il drago.
Io ne facevo beffe, cose da pazzi, ma tu lo domavi
E mi liberavi le caviglie spezzando la catena,
Come un San Giorgio o un Perseo pagano;
Ed ora ipnotizzati fissiamo il mare,
Ed una specie di volatile miracoloso gracchia verso di noi.

V. CONSOLAZIONE

Oh se c’è saggezza
E’ nelle parole dei saggi;
Ma distendi un attimo il corpo
E appoggia qui il capo
Finché ai saggi avrò spiegato
Dove sta la consolazione di un uomo.

Come avrebbe potuto la passione affondare tanto
Se non avessi mai pensato
Che il crimine della nascita
Offusca del tutto la nostra sorte?
Ma è laddove il crimine si compie
Che il crimine si può dimenticare.

VI. DECISA

La sorte dell’amore è decisa. L’ho capito bene
Mentre lottavo per un’immagine lungo la scia
Dello Zodiaco vorticante.
Sfiorava appena il mio corpo,
Calava appena da occidente
O verso un rifugio sotterraneo
Sulla mezzanotte del mio grembo materno
Prima che lo notassi volgere a settentrione,
E parve alzarsi benché io fossi sdraiata nel letto.

Lottavo con il terrore dell’alba,
Decidevo la mia sorte! Se mi chiedesse
Qual è il più grande piacere con un uomo
Una qualche giovane moglie, userei
Quell’immobilità come esempio
In cui il suo cuore diviene simile al mio
E con esso si abbandona alla corrente miracolosa
Nella quale – scrisse un erudito astrologo –
Lo Zodiaco diviene una sfera.

VII. SEPARAZIONE

Lui. Cara, devo andare
Mentre la notte pesa sugli occhi
Delle spie di questa casa;
Un canto annuncia l’alba.

Lei. No, l’uccello della notte e dell’amore
Invita alla calma ogni vero amante,
Il suo canto sonoro biasima piuttosto
La scaltrezza omicida del giorno.

Lui. Fluttua già la luce del giorno
Di cresta in cresta sui monti.

Lei. Quella luce è di luna.

Lui. Quell’uccello…

Lei. Lascia che canti,
Al palco scenico dell’amore
Offro i miei declivi oscuri.

VIII. LA SUA VISIONE NEL BOSCO

Legno secco sotto un ricco fogliame,
Nel bosco sacro in una mezzanotte nera come vino,
Ormai vecchia per l’amore mi arrovellavo rabbiosa
Pensando agli uomini. Pensando di poter mitigare
Un grande dolore con un dolore più lieve
O di poter cavare sangue da vene atrofizzate,
Mi ferii per coprire con il vino del corpo
Anche solo il ricordo delle labbra dell’amato.

Dopodiché levai al cielo le dita,
Fissando quel vino nero sulle mie unghie, o piuttosto
Vedendolo scorrere dalla punta delle dita;
Ma quel nero diventò rosso, le torce si accesero,
E una musica assordante scosse le foglie; dei soldati
Portarono una lettiga con un uomo ferito,
Ovvero picchiavano su di una corda ed al suono di quella
Cantavano della bestia che lo ferì fatalmente.

Donne meravigliose mosse verso quel canto
Con capelli sciolti o fronti aggrottate dal turbamento,
Come nella folla di un pittore del Quattrocento,
Un’immagine concepita senza meditare dal Mantegna –
Perché dovrebbe meditare chi è perennemente giovane?
Ad un tratto contagiata da tutto quel turbamento,
Fissando lo sguardo sul suo petto schizzato di sangue
Intonai a mia volta il canto di maledizione.

Quella cosa di melma e sangue, quell’avanzo di bestia,
Si voltò e piantò il suo sguardo lucente sul mio,
E, sebbene il dolce-amaro dell’amore fosse tornato,
Quei corpi dipinti in quadro o forgiati su moneta
Non videro il mio corpo cadere né lo sentirono gridare,
Né capirono, cantando ebbri come di vino,
Che il solo simbolo fiabesco che avevano portato con sé
Era il succube e il torturatore del mio cuore.

IX. UN’ULTIMA CONFESSIONE

Quale giovanotto fu più soddisfacente
Fra quelli con cui giacqui?
Posso dire che davo l’anima
E amavo con dolore,
Ma ebbi grande piacere da un giovane
Che amai carnalmente.

Spingendo via il suo abbraccio ridevo
Al pensiero che con tanta passione
Immaginava di arrivare alla mia anima
Mentre solo i corpi si toccavano,
E sul suo petto ridevo al pensiero
Che le bestie facevano altrettanto.

Davo ciò che qualunque donna
Spogliandosi dà.
Ma se quest’anima, distaccata dal corpo,
Nuda entrasse in contatto con la nudità,
Colui che dovesse trovarla vi troverebbe
Ciò che nessuno sa,

E darebbe tutto e si prenderebbe tutto
E in suo diritto ne sarebbe padrone;
E lei pur amando con dolore
Stringerebbe ancora più forte,
Non esiste un uccello diurno che si permetta
Di affievolire un tale diletto.

X. INCONTRO

Nascosti un poco dalla vecchiaia
Coperti da mantello e cappuccio,
Odiando ognuno ciò che l’altro amava,
Stavamo faccia a faccia:
‘Un incontro del genere,’ disse lui,
‘Promette poco di buono.’

‘Lascia che gli altri si vantino,’ dissi io,
‘Ma non permetterti di fare altrettanto
Per il fatto che ho avuto te
Come amante in passato;
Di’ piuttosto che fra tutti gli uomini
Sei proprio quello che più ho odiato.’

‘Un folle vanto per un siffatto amore,’
Dichiarò furioso lui:
Ma uno come lui per una come me –
Se avessimo potuto smettere
Quei vestiti da pezzenti –
Avrebbe trovato parole più dolci.

XI. DALL’ ‘ANTIGONE’

Vinci – Oh amara dolcezza,
Alloggiata sulla gota morbida d’una giovane –
Sui ricchi e i loro affari,
Sui greggi abbondanti e sull’abbondanza dei campi,
Sui marinai, sui rozzi mietitori;
Vinci sugli Dei del Parnaso;

Vinci sull’Empireo; scaraventa
Cielo e Terra fuori posto,
Cosicché nella medesima calamità
Fratello con fratello, amico con amico,
Famiglia con famiglia,
Città con città siano in disputa,
Resi folli da quell’immensa gloria.

Vorrei pregare e dovrei cantare,
Eppure piango – la figlia di Edipo
Si fa polvere priva d’amore.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...