Archivi categoria: Arte o fotografia

‘Un nero trono al centro del caos’

Gilman decided he had picked up that last conception from what he had read in the Necronomicon about the mindless entity Azathoth, which rules all time and space from a curiously environed black throne at the centre of Chaos.

[H.P.Lovecraft, The Dreams in the Witch House]

bacon pope

Francis Bacon – Studio di ritratto di Innocenzo X

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

‘Alle montagne della follia’

Testi di H.P.Lovecraft
“At the mountains of madness”
(www.hplovecraft.com/writings/texts/fiction/mm)

Dipinti di Nikolaj Roerich
(www.roerich.org)

– – –

Roerich Snowy Ascent

It was young Danforth who drew our notice to the curious regularities of the higher mountain skyline—regularities like clinging fragments of perfect cubes, which Lake had mentioned in his messages, and which indeed justified his comparison with the dream-like suggestions of primordial temple-ruins on cloudy Asian mountain-tops so subtly and strangely painted by Roerich. There was indeed something hauntingly Roerich-like about this whole unearthly continent of mountainous mystery.

Roerich Everest Range

Roerich Lake of the Nagas. Kashmir

The sky above was a churning and opalescent mass of tenuous ice-vapours, and the cold clutched at our vitals. Wearily resting the outfit-bags to which we had instinctively clung throughout our desperate flight, we rebuttoned our heavy garments for the stumbling climb down the mound and the walk through the aeon-old stone maze to the foothills where our aëroplane waited. Of what had set us fleeing from the darkness of earth’s secret and archaic gulfs we said nothing at all.

Roerich Mountain Pass. Storm

Roerich Suget Pass

Something about the scene reminded me of the strange and disturbing Asian paintings of Nicholas Roerich…

Roerich Three Glaives. Images on Rock. Lahul

Roerich Tibet. Himalayas

Great low square blocks with exactly vertical sides, and rectangular lines of low vertical ramparts, like the old Asian castles clinging to steep mountains in Roerich’s paintings.

Roerich tibetan fortress

Roerich western himalayas

Alcuni bozzetti e disegni:

Roerich Sketch of island

Roerich Sketch of landscape

As we drew near the forbidding peaks, dark and sinister above the line of crevasse-riven snow and interstitial glaciers, we noticed more and more the curiously regular formations clinging to the slopes; and thought again of the strange Asian paintings of Nicholas Roerich.

Roerich Composition sketch for “The Dead City” (1918)

Roerich Sketch for “White Stone”

On some of the peaks, though, the regular cube and rampart formations were bolder and plainer; having doubly fantastic similitudes to Roerich-painted Asian hill ruins. The distribution of cryptical cave-mouths on the black snow-denuded summits seemed roughly even as far as the range could be traced.

Roerich Composition sketch for “The Most Sacred”

Yet long before we had passed the great star-shaped ruin and reached our plane our fears had become transferred to the lesser but vast enough range whose re-crossing lay ahead of us. From these foothills the black, ruin-crusted slopes reared up starkly and hideously against the east, again reminding us of those strange Asian paintings of Nicholas Roerich; and when we thought of the damnable honeycombs inside them, and of the frightful amorphous entities that might have pushed their foetidly squirming way even to the topmost hollow pinnacles, we could not face without panic the prospect of again sailing by those suggestive skyward cave-mouths where the wind made sounds like an evil musical piping over a wide range.

Roerich Composition sketch for “Ecstasy” (1933)

For we had, of course, decided to keep straight on toward the dead city; since the consequences of loss in those unknown foothill honeycombings would be unthinkable.

Roerich “The Dead City”

The Dead City
1918
Oil on panel

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Inscriptions

Traduzione amatoriale da Fernando Pessoa. Immagini di Käthe Kollwitz.

Käthe Kollwitz - Tod, Frau und Kind.jpg

Inscriptions
Iscrizioni
1920

I

We pass and dream. Earth smiles. Virtue is rare.
Age, duty, gods weigh on our conscious bliss.
Hope for the best and for the worst prepare.
The sum of purposed wisdom speaks in this.

Passiamo e sognamo. La Terra sorride. La virtù è rara.
Età, dovere, dèi pesano sulla nostra conscia beatitudine.
Augurati il meglio e al peggio preparati.
Il massimo proposito di saggezza recita così.

II

Me, Chloe, a maid, the mighty fates have given,
Who was nought to them, to the peopled shades.
Thus the gods will. My years were but twice seven.
I am forgotten in my distant glades.

Me, Chloe, una domestica, i potenti fati consegnarono,
Quantunque nullità per loro, alle affollate ombre.
Questo fu il volere degli dèi. I miei anni solo due volte sette.
Giaccio dimenticata nelle mie distanti radure.

Käthe Kollwitz -   .jpg

III

From my villa on the hill I long looked down
Upon the muttering town;
Then one day drew (life sight-sick, dull hope shed)
My toga o’er my head
(The simplest gesture being the greatest thing)
Like a raised wing.

Dalla mia villa in collina a lungo scrutavo
La città mormorante;
Poi un bel giorno mi sistemai
(da viste sulla vita nauseato, da noiosa speranza liberato)
La toga in testa
(Essendo il gesto più semplice la cosa migliore)
Come un’ala spiegata.

IV

Not Cecrops kept my bees. My olives bore
Oil like the sun. My several herd lowed far.
The breathing traveller rested by my door.
The wet earth smells still; dead my nostrils are.

Nessun Cecrope accudiva le mie api. Le mie olive producevano
Olio color del sole. I miei pascoli numerosi muggivano in lontananza.
Il viaggiatore ansimante riposava alla mia porta.
La terra umida odora ancora; morte sono le mie narici.

Käthe Kollwitz - .jpg

V

I conquered. Far barbarians hear my name.
Men were dice in my game,
But to my throw myself did lesser come:
I threw dice, Fate the sum.

Conquistai. Remoti barbari conoscono il mio nome.
Gli uomini erano dadi nella mia partita,
Ma al lancio di me stesso risultò minor punteggio:
Io lanciai, il Fato contò.

VI

Some were as loved loved, some as prizes prized.
A natural wife to the fed man my mate,
I was sufficient to whom I sufficed.
I moved, slept, bore and aged without a fate.

Alcuni furono come amati amati, altri come premi premiati.
Fu moglie naturale di un uomo ben nutrito la mia compagna,
Bastai a chi mi bastò.
Mossi, riposai, ressi e invecchiai senza un destino.

Käthe Kollwitz - Lovers

VII

I put by pleasure like an alien bowl.
Stern, separate, mine, I looked towards where gods seem.
From behind me the common shadow stole.
Dreaming that I slept not, I slept my dream.

Tralasciai il piacere come un involucro assente.
Austero, distaccato, mio, ricercavo luoghi di divine apparizioni.
Dietro di me l’ombra comune era furtiva.
Sognando di non dormire, dormivo nel sogno.

Käthe Kollwitz - child.jpg

VIII

Scarce five years passed ere I passed too.
Death came and took the child he found.
No god spared, or fate smiled at, so
Small hands, clutching so little round.

Cinque anni scarsi passarono prima ch’io passai.
Venne la morte e prese il bambino che trovò.
Nessun dio graziò, né fortuna baciò, così
Piccole mani, aggrappate a così poco.

IX

There is a silence where the town was old.
Grass grows where not a memory lies below.
We that dined loud are sand. The tale is told.
The far hoofs hush. The inn’s last light doth go.

C’è ora un silenzio dove la città invecchiava.
Cresce l’erba sopra i luoghi senza alcuna memoria.
Noi che abbiamo gozzovigliato siamo sabbia. Fine della storia.
Lo scalpiccio è lontano. Spenta è l’ultima luce della locanda.

Käthe Kollwitz - conspiracy.jpg

X

We, that both lie here, loved. This denies us.
My lost hand crumbles where her breasts’ lack is.
Love’s known, each lover is anonymous.
We both felt fair. Kiss, for that was our kiss.

Noi due, che qui riposiamo, amammo. Questo ci annienta.
La mia mano persa si disfa nell’assenza del suo seno.
L’amore è noto, ogni amante è anonimo.
Ci sentivamo leali. Bacio, poiché così era il nostro bacio.

XI

I for my city’s want fought far and fell.
I could not tell
What she did want, that knew she wanted me.
Her walls be free,
Her speech keep such as I spoke, and men die,
That she die not, as I.

Per volere della mia città combattei e persi.
Non avrei saputo dire
Cosa davvero volesse, sapevo che voleva me.
Libere le sue mura,
La sua parola mantenuta nel mio parlare, e uccidere,
Per non morire, come me.

Käthe Kollwitz - march of weavers.jpg

XII

Life lived us, not we life. We, as bees sip,
Looked, talked and had. Trees grow as we did last.
We loved the gods but as we see a ship.
Never aware of being aware, we passed.

La vita ci visse, non viceversa. Noi, come api abbiamo
Centellinato, visto, parlato e avuto. Gli alberi crescono finché viviamo.
Abbiamo amato dèi ma nel modo in cui osserviamo una nave.
Mai consci d’essere consci, ce ne siamo andati.

Käthe Kollwitz - Begrüssung.jpg

XIII

The work is done. The hammer is laid down.
The artisans, that built the slow-grown town,
Have been succeeded by those who still built.
All this is something lack-of-something screening.
The thought whole has no meaning
But lies by Time’s wall like a pitcher spilt.

Il lavoro è terminato. Il martello è riposto.
Gli artigiani, che edificarono lentissime città,
Sono stati rimpiazzati da chi ancora edifica.
Tutto ciò è qualcosa che proietta la mancanza di qualcosa.
Il pensiero non ha assolutamente significato
Ma è frantumato come un vaso contro il muro del Tempo.

XIV

This covers me, that erst had the blue sky.
This soil treads me, that once I trod. My hand
Put these inscriptions here, half knowing why;
Last, and hence seeing all, of the passing band.

Sono ricoperto, quando un tempo avevo cielo azzurro.
Mi calpesta il terreno che una volta calpestavo. La mia mano
Incide queste iscrizioni, sapendo a metà il perché;
Da ultimo, e quindi osservatore, di tutta la sfilata.

Käthe Kollwitz -  .jpg

– – –

Testi originali: Fernando Pessoa. 1920 «Inscriptions». in Poemas Ingleses. Fernando Pessoa. (Edição bilingue, com prefácio, traduções, variantes e notas de Jorge de Sena e traduções também de Adolfo Casais Monteiro e José Blanc de Portugal.) Lisboa: Ática, 1974: 116. 1ª ed. in English Poems I-II. Fernando Pessoa. Lisbon: Olisipo, 1921.

Arquivo Pessoa http://arquivopessoa.net

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Tre poesie di E. Dickinson

Traduzione amatoriale di tre poesie di E. Dickinson del 1868.
Immagini di W. Turner.

Turner - sun.jpg

‘Tis my first night beneath the Sun
If I should spend it here –
Above him is too low a hight
For his Barometer
Who Airs of expectation breathes
And takes the Wind at prime –
But Distance his Delights confides
To those who visit him

– – –

Sarebbe la mia prima notte sotto il Sole
Dovessi passarla qui –
Sopra di lui è quota troppo bassa
Per il suo Barometro
Che Arie d’aspettazione respira
E prende il Vento sul nascere –
Ma la Distanza i suoi Diletti confida
A chi gli rende visita

Turner.jpg

The Wind took up the Northern Things
And piled them in the South –
Then gave the East unto the West
And opening his mouth
The four Divisions of the Earth
Did make as to devour
While everything to corners slunk
Behind the awful power –

The Wind unto his Chamber went
And nature ventured out –
Her subjects scattered into place
Her systems ranged about

Again the smoke from Dwellings rose
The Day abroad was heard
How intimate, a Tempest past
The Riot of the Bird –

– – –

Il Vento prese le Cose dal Nord
E le ammucchiò al Sud –
Poi gettò sull’Ovest quelle dell’Est
E spalancando la bocca
I quattro Angoli della Terra
Fece come per divorare
Mentre tutto sgattaiolava
Sotto il potere terrificante –

Il Vento rientrò nelle sue Stanze
E la nautura si avventurò fuori –
I suoi attori ripresero posizione
I suoi sistemi si ridisposero

Di nuovo il fumo salì dalle Abitazioni
Quel Giorno fece il giro del mondo
Così intima, passata una Tempesta
La Rivoluzione degli Uccelli –

 

Turner - Death on a pale horse

 

 

I noticed People disappeared
When but a little child –
Supposed they visited remote
Or settled Regions wild –
Now know I – They both visited
And settled Regions wild –
But did because they died
A Fact withheld the little child –

– – –

Quando m’accorsi che sparivano
Non ero altro che un bambino –
Li immaginavo in viaggi remoti
O coloni di Regioni selvagge –
Ora li so – sia viaggiatori
Sia colonizzatori –
Ma involontari poiché morti
Un Fatto occultato ai bambini –

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

The Marriage of Heaven and Hell

Qui di seguito un esercizio di traduzione amatoriale di “The Marriage of Heaven and Hell” di William Blake.

Immagini da www.blakearchive.org.

Invito a lasciar perdere la mia traduzione e affidarsi a quella di Ungaretti (Mondadori).

mhh-c-p1-100

Il Matrimonio di Paradiso e Inferno

mhh-c-p2-100

La Disputa

Rintrah ringhia e getta fiamme nell’aria densa;
Nubi affamate incombono sull’abisso.

Mite un tempo, e lungo perigliosa via,
L’uomo retto manteneva la sua direzione verso
La valle della morte.
Le rose sono piantate dove le spine crescono,
E sull’arida landa
Cantano le api.

Poi la perigliosa via fu coltivata:
E un fiume e una sorgente
Sopra ogni pendio e tomba;
E sopra le ossa sbiancate
Trasudava argilla rossa.

Finché il villano lasciò le vie dell’agio,
Per intraprendere quelle perigliose, e condurre
L’uomo retto verso climi aridi.

Ora il serpente cammina cauto
Con umile mansuetudine,
E l’uomo retto infuria in terre selvagge
Dove errano i leoni.

Rintrah ringhia e getta fiamme nell’aria densa;
Nubi affamate incombono sull’abisso.

mhh-c-p3-100

Poiché un nuovo cielo ha avuto inizio, e sono oggi trentatrè anni dal suo avvento: l’Eterno Inferno rivive. Eccome! Swedenborg è l’Angelo che veglia presso la tomba: i suoi scritti sono sudari di lino. Ora domina Edom e Adamo ritorna nel Paradiso; vedi Isaia, cap. XXXIV e XXXV.
Senza Opposti non c’è progresso. Attrazione e Repulsione, Ragione ed Energia, Amore e Odio, sono necessari all’esistenza Umana.
Da questi opposti scaturisce ciò che i religiosi chiamano Bene e Male. Il Bene è il passivo che obbedisce alla Ragione. Il Male è l’attivo che scaturisce dall’Energia.
Il Bene è il Paradiso. Il Male è l’Inferno.

mhh-c-p4-100

La Voce del Diavolo

Ogni Bibbia o codice sacro è parte in causa dei seguenti Errori.
1. Che l’Uomo ha due reali forme d’esistenza, ossia un Corpo e un’Anima.
2. Che l’Energia, chiamata Male, è indipendente dal Corpo, e che la Ragione, chiamata Bene, è indipendente dall’Anima.
3. Che Dio tormenterà l’Uomo in Eterno perché segue le proprie Energie.
Ma i seguenti Opposti ad essi sono Verità
1. L’Uomo non ha un Corpo distinto dalla sua Anima; poiché il cosiddetto Corpo è una porzione d’Anima che i cinque Sensi discernono, essendo le principali antenne dell’Anima in epoca corrente.
2. L’Energia è l’unica vita e proviene dal Corpo, e la Ragione è il confine ovvero la circonferenza esterna dell’Energia.
3. L’Energia è Eterno Diletto.

mhh-c-p5-100

Chi contiene il proprio desiderio può farlo poiché esso è abbastanza debole da poter essere contenuto; e il contenitore, o Ragione, usurpando il proprio posto governa i remissivi.
Ed essendo contenuto, il desiderio diviene gradualmente passivo, fino ad essere solo un’ombra del desiderio.
Questa storia è scritta nel Paradiso Perduto, e il Governatore, o Ragione, viene chiamato Messia.
E l’Arcangelo primordiale, o detentore del comando dell’esercito celeste, viene chiamato il Diavolo o Satana, e i suoi figli vengono chiamati Peccato e Morte.
Ma nel Libro di Giobbe, il Messia di Milton viene chiamato Satana.
Poiché questa storia è stata fatta propria da entrambe le parti.
Sembrava infatti alla Ragione come se il Desiderio fosse stato scacciato, ma la versione del Diavolo è che il Messia

mhh-c-p6-100

cadde e fece di ciò che sottrasse all’Abisso un paradiso.
Questo è spiegato nei Vangeli, ove egli prega il Padre di inviare il consolatore, o Desiderio, affinché la Ragione possa edificarvi sopra Idee, essendo il Geova della Bibbia nient’altro che colui che sprofonda in fiamme vive.
Sappiate che dopo la sua morte di Cristo divenne Geova.
Ma in Milton il Padre è Destino, il Figlio la somma dei cinque sensi, e lo Spirito Santo, Vuoto!
Nota. La ragione per cui Milton scrisse in catene quando scrisse di Angeli e di Dio, e in libertà quando scrisse di Diavoli e d’Inferno, è che era un vero Poeta ed era inconsapevolmente dalla parte del Diavolo.

Una Memorabile Visione

Mentre camminavo tra le fiamme degli inferi, sollazzato dai piaceri del Genio, che agli Angeli appaiono come tormento e follia, collezionavo alcuni dei loro Proverbi; meditavo su quanto i detti di un popolo ne definiscano il carattere, e parimenti i Proverbi dell’Inferno mostrano la natura della saggezza Infernale meglio di qualsivoglia descrizione di edifici o di indumenti.
Quando tornai a casa: sull’abisso dei cinque sensi, dove un pendio scivoloso si affaccia ostile sul mondo presente, vidi un Diavolo potente avvolto da nubi nere, che planava ai lati del monte; con getti di fuoco

mhh-c-p7-100

incise la seguente dichiarazione, ora giunta alle menti degli umani, e letta così sulla terra:
Come potete non sapere che ogni Uccello che fende l’aria E’ un immenso mondo di piacere, racchiuso nei vostri cinque sensi?

Proverbi dell’inferno

In tempo di semina impara, in mietitura insegna, in inverno godi.
Conduci il tuo carro e il tuo aratro sulle ossa dei morti.
La strada dell’eccesso porta al palazzo della saggezza.
La prudenza è una vecchia brutta e ricca corteggiata dall’Incapacità.
Chi desidera ma non agisce, genera pestilenza.
Il verme tagliato perdona l’aratro.
Affondalo nel fiume chi ama l’acqua.
Un folle non vede il medesimo albero che vede il saggio.
Colui il cui viso non sprigiona luce non diverrà mai una stella.
L’eternità è innamorata dei prodotti del tempo.
L’ape indaffarata non ha tempo per i rimpianti.
Le ore di follia sono misurate dell’orologio, ma quelle di saggezza non v’è orologio che possa misurarle.
Ogni cibo sano è colto senza alcuna rete né trappola.
Prendi in riferimento numero, peso e misura in un anno di ristrettezze.
Nessun uccello vola troppo in alto se vola con le proprie ali.
Un cadavere non si vendica delle ferite.
L’atto più sublime è accomodare gli altri prima di te stesso.
Se il folle perseverasse nella sua follia diventerebbe saggio.
La follia è il mantello dell’inganno.
La vergogna è il mantello dell’Orgoglio.

mhh-c-p8-100

Proverbi dell’Inferno

Le prigioni vengono edificate con le pietre della Legge, I Bordelli con i mattoni della Religione.
L’orgoglio del pavone è la gloria di Dio.
La lussuria della capra è la benignità di Dio.
L’ira del leone è la saggezza di Dio.
La nudità della donna è l’opera di Dio.
Tristezza eccessiva ride. Gioia eccessiva piange.
Il ruggito del leone, l’ululato dei lupi, l’impeto del mare in tempesta, e la spada tagliente, sono frammenti di eternità troppo grandi per l’occhio dell’uomo.
La volpe incolpa la trappola, non se stessa.
La gioia feconda. La tristezza porta avanti.
Fai che l’uomo indossi il vello del leone, la donna il manto della pecora.
L’uccello un nido, il ragno una tela, l’uomo amicizia.
Il folle gaio egocentrico e il folle fosco accigliato, dovranno essere entrambi considerati saggi, potranno così essere una sferza.
Ciò che ora è dimostrato fu un tempo solo immaginato.
Il ratto, il topo, la volpe, il coniglio, osservano le radici; il leone, la tigre, il cavallo, l’elefante, osservano i frutti.
La cisterna contiene; la fontana straborda.
Un pensiero colma l’immensità.
Sempre sii pronto a dir ciò che pensi, e l’uomo vile ti eviterà.
Tutto ciò che può essere creduto è un’ immagine della verità.
L’aquila non ha mai perso così tanto tempo come quando si abbassò a imparare dal corvo.

mhh-c-p9-100

Proverbi dell’Inferno

La volpe provvede per se stessa, ma Dio provvede per il leone.
Pensa il mattino. Agisci nel pomeriggio. Mangia la sera. Dormi la notte.
Chi ha sofferto le tue imposizioni ti conosce.
Come l’aratro segue le parole, così Dio ricompensa le preghiere.
Le tigri dell’ira sono più sagge dei cavalli dell’istruzione.
Ci si aspetti veleno dall’acqua stagnante.
Non puoi sapere cosa sia abbastanza se non sai cosa sia più che abbastanza.
Ascolta il rimprovero del folle! E’ un titolo regale!
Fuoco gli occhi, aria le narici, acqua la bocca, terra la barba.
Chi è carente di coraggio è forte in astuzia.
Il melo non chiede al faggio come crescere, né il leone, al cavallo, come catturare una preda.
Il destinatario riconoscente promuove un raccolto abbondante.
Se altri non sono stati folli, dovremmo esserlo noi.
Un’anima di dolce piacere non può essere contaminata.
Quando vedi un’Aquila, vedi un frammento del Genio: alza lo sguardo!
Come il bruco sceglie le foglie più belle per deporvi le uova, così il sacerdote cala la sua maledizione sulle gioie più belle.
Creare un piccolo fiore è lavoro di secoli.
Maledire rinvigorisce: Benedire indebolisce.
Il vino migliore è il più vecchio, l’acqua migliore è la più nuova.
Le preghiere non arano! Le lodi non raccolgono!
Le gioie non ridono! Le tristezze non piangono!

mhh-c-p10-100

Proverbi dell’Inferno

Sublime la testa, Pathos il cuore, Bellezza i genitali, Proporzione i piedi e le mani.
Come l’aria per un uccello o il mare per un pesce, così è il disprezzo per lo spregevole.
Il corvo desiderò che tutto fosse nero, il gufo che tutto fosse bianco.
Esuberanza è Bellezza.
Se il leone fosse consigliato dalla volpe, diverrebbe scaltro.
Le Migliorie rendono lineari le vie, ma le vie impervie senza Migliorie sono vie del Genio.
Sopprimi l’infante nella culla piuttosto che nutrire desideri repressi.
Dove non v’è uomo, la natura è sterile.
La verità non può mai essere spiegata in modo comprensibile, senza essere creduta.
Basta! anche Troppo.

mhh-c-p11-100

Gli antichi Poeti animavano ogni oggetto concreto con Dei o Geni, dotandoli di un nome e assegnando loro le proprietà di boschi, fiumi, monti, laghi, città, nazioni, e tutto ciò che i loro sensi molteplici ed espansi potevano percepire.
E studiavano nel dettaglio il genio d’ogni città e paese, sottomettendolo all’immaginata divinità.
Finché prese forma un sistema di cui alcuni approfittarono, e con cui schiavizzarono il volgo tentando di razionalizzare le immaginate divinità o di astrarle dai rispettivi oggetti: così nacque il Sacerdozio.
Estrapolando forme di culto dai racconti poetici.
E infine predicarono che gli Dei avevano ordinato tutto questo.
Così gli uomini dimenticarono che Ogni divinità dimora nel ventre umano.

mhh-c-p12-100

Una Memorabile Visione

I Profeti Isaia ed Ezechiele cenavano con me, e io chiedevo loro come potessero affermare così francamente che Dio li aveva interpellati, e se non credessero allo stesso tempo che sarebbero stati fraintesi, e quindi divenire la causa delle imposizioni?
Isaia rispose: ‘Nessun Dio vidi, né sentii, in senso strettamente organico percettivo; ma i miei sensi scoprirono l’infinito in ogni cosa, e quando fui persuaso, e ne ebbi la conferma, che quella voce di sincera indignazione è la voce di Dio, non mi preoccupai delle conseguenze ma scrissi.’
Allora chiesi: ‘Può la ferma convinzione che una cosa sia in un certo modo, renderla in quel modo?’
Rispose: ‘Ogni poeta è certo che sia così, e nelle ere dell’immaginazione questa ferma convinzione poteva spianare le montagne; ma molti non sono capaci di convincersi fermamente di alcunché.’
Allora Ezechiele disse: ‘La filosofia Orientale insegnò i primi princìpi della percezione umana: alcune nazioni misero un principio in origine, altri ne misero un altro; noi Israeliani insegnammo che il Genio Poetico (come tu lo chiami ora) era l’origine e tutti gli altri princìpi ne erano meri derivati, il che fu causa del nostro disprezzo per i Sacerdoti e per i Filosofi di altri paesi, e del profetizzare la dimostrazione definitiva che tutti gli Dei

mhh-c-p13-100

hanno origine dal nostro e sono tributari del Genio Poetico; era questo che il nostro grande poeta Davide Re desiderava così ardentemente, e così sentitamente invoca, e
invocando conquista i nemici e governa i regni; e noi abbiamo amato tanto il nostro Dio, da maledire, nel suo nome, tutte le divinità delle nazioni circostanti, e da affermare che esse fossero ribelli; da queste idee il volgo iniziò a pensare che tutte le nazioni sarebbero state infine assoggettate agli Ebrei.
Tutto ciò, disse, come tutte le ferme convinzioni deve per forza avvenire, poiché tutte le nazioni credono nel codice degli Ebrei e venerano il dio degli Ebrei, e può esistere sottomissione maggiore?
Ascoltai con una certa meraviglia, e devo confessare con convinzione. Dopo cena chiesi a Isaia di rendere privilegio al mondo con i suoi scritti inediti: disse che niente di tal valore restò inedito. Ezechiele disse altrettanto per sé.
Chiesi inoltre a Isaia che motivo lo spinse a vagare nudo e scalzo tre anni? Rispose, lo stesso motivo che spinse il nostro amico Diogene il Greco.
Poi chiesi a Ezechiele perché avesse mangiato letame, e giaciuto a lungo sui fianchi destro e sinistro? rispose, il desiderio di innalzare gli altri uomini alla percezione dell’infinito, come in uso fra i tribali Nord Americani. Ed è sincero colui che ostacola il proprio genio o la coscienza a favore di un agio momentaneo o di una gratificazione?

mhh-c-p14-100

L’antica tradizione che il mondo sarà distrutto dal fuoco alla fine dei seimila anni è vera, stando a quanto ho sentito all’Inferno.
Poiché essa afferma che il cherubino con la sua spada infuocata riceverà l’ordine di smontare la guardia all’albero della vita, e quando lo farà l’intera creazione verrà distrutta, e si rivelerà infinita e santa, laddove ora appare finita e corrotta.
Questo dovrà avvenire con un miglioramento del piacere sensuale.
Ma la prima cosa da espungere è la nozione che l’uomo ha un corpo distinto dall’anima; questo dovrò fare stampando con tecnica infernale, con agenti corrosivi, che all’Inferno sono salutari e medicamentosi, sciogliendo una superficie apparente e svelando l’infinito che vi era nascosto sotto.
Se le porte della percezione fossero mondate tutto apparirebbe all’uomo così come è: Infinito.
Poiché l’uomo ha rinchiuso se stesso, fino a vedere ogni cosa attraverso i minuscoli spiragli di una grotta.

mhh-c-p15-100

Una Memorabile Visione

Mi trovavo in una Tipografia all’Inferno e vidi il metodo in cui la conoscenza è trasmessa da generazione a generazione.
Nella prima stanza v’era un Uomo-Drago, mondava dai detriti l’imbocco di una grotta; dentro, diversi Draghi scavavano la grotta.
Nella seconda stanza v’era una Vipera avvolta intorno alle rocce e alla grotta, e altre che l’adornavano con ori, argento e pietre preziose.
Nella terza stanza v’era un’Aquila con ali e piume d’aria, rendeva l’interno della grotta infinito; intorno v’erano diversi uomini-Aquila che erigevano palazzi sulle immense pendici.
Nella quarta stanza v’erano Leoni di fuoco ardente che imbestialiti trasformavano i metalli in fluidi animati.
Nella quinta stanza v’erano forme Innominate, che gettavano i metalli in una distesa.
Là erano raccolti dagli Uomini, che occupavano la sesta stanza, ed prendevano la forma di libri ed venivano sistemati su scaffali.

mhh-c-p16-100

I Giganti che crearono questo mondo nella sua forma d’esistenza sensuale, ed ora sembra che vi vivano in catene, sono in realtà la causa della vita e la sorgente d’ogni azione; ma le catene sono il trucco delle menti deboli e addomesticate che vogliono opporre resistenza all’energia, come dice il proverbio, chi è carente di coraggio è forte in astuzia.
Per cui una parte dell’essere è atta a Proliferare, l’altra è atta a Divorare: a quella divoratrice sembra che quella prolifica sia incatenata, ma non è così; prende solo parti di esistenza che danno illusione di completezza.
Ma il Prolifico cesserebbe d’essere tale se il Divoratore non potesse ricevere come un mare gli eccessi del suo piacere.
Alcuni diranno, non è forse Dio il Prolifico? Io rispondo, Dio è, ed Agisce, solo negli esseri viventi e nell’Uomo.
Queste due classificazioni umane si trovano sempre sulla terra. E dovrebbero essere nemiche: chiunque provasse

mhh-c-p17-100

a riconciliarle attenterebbe all’esistenza per distruggerla.
La Religione è un tentativo di riconciliarle.
Nota. Gesù Cristo non voleva unirle ma separarle, come nella Parabola delle pecore e dei capri! E disse: non sono venuto per portare la Pace ma la Spada.
Si insegnava un tempo che il Messia o Satana o Tentatore fu uno degli Antidiluviani ossia le nostre Energie.

Una Memorabile Visione

Un Angelo venne presso di me e disse Oh giovanotto penoso e folle! Oh che orrore! Che situazione terribile! Pensa alla prigione infuocata che ti stai preparando in vista di tutta l’eternità, e alla quale ti approssimi di gran carriera.
Dissi, forse ti andrebbe di mostrarmi il mio eterno destino, e di contemplarlo con me per capire quale fra il tuo o il mio sia più desiderabile.
Quindi mi portò con sé attraverso una stalla ed una chiesa e giù nella cripta, in fondo alla quale v’era un mulino: oltrepassammo il mulino, e giungemmo a una grotta; brancolammo scendendo fra le anse spaventose di quella grotta fino a raggiungere un orrido, vasto come un cielo rovesciato comparso all’improvviso sotto di noi, e ci aggrappammo alle radici degli alberi a penzoloni sopra quell’immensità, eppure dissi, se ti fa piacere, ci affideremo a questo vuoto, per vedere fin dove arriva la provvidenza; altrimenti, io solo? ma lui rispose, non contarci, giovanotto, e comunque restando potrai osservare il tuo destino che comparirà fra poco in luogo delle tenebre.
Così rimasi con lui, seduto sulla radice ritorta

mhh-c-p18-100

di una quercia, lui era adagiato su un fungo che pendeva a testa in giù sul precipizio.
Gradualmente potemmo contemplare l’Abisso, rovente come i fumi d’una città in fiamme; sotto di noi lontanissimo era il sole, nero ma lucente. Aveva intorno tracce infuocate su cui ragni enormi si contorcevano, inseguendo le prede che volavano o meglio nuotavano nell’infinito profondo, con la forma dei più terribili animali scaturiti dalla depravazione, e l’aria ne era piena fino a sembrarne satura; quelli sono i Diavoli, e si chiamano Potenze dell’aria. A quel punto chiesi al mio compagno dov’è il mio destino? disse, fra il ragno nero e quello bianco.
Proprio allora, fra il ragno nero e quello bianco, scaturì una nube di fuoco che voltolò nello spazio profondo, oscurando ogni cosa, rendendo le profondità nere come un mare, e rombando con frastuoni terribili; sotto di noi non rimase altro che una scura tempesta, finché non scorgemmo a oriente, fra nubi e onde, una cataratta iniettata di sangue e fuoco, e a un tiro di schioppo da noi comparve per poi subito scomparire la gobba squamata di un mostruoso serpente; infine, tre gradi ancora più a est, comparve sulle onde una cresta ardente; arretrava lenta come un crinale di aurea pietra fino a svelare due globi di fuoco cremisi sopra i quali il mare evaporava in sbuffi di fumo, e subito capimmo che si trattava della testa del Leviatano; la fronte era striata di verde e porpora similmente a quella di una tigre; osservammo la bocca e le branchie schiumare di rabbia, tingere l’oscurità con bagliori rosso sangue, avanzare verso di noi

mhh-c-p19-100

con tutta la furia di un’essere spirituale.
Il mio amico Angelo si arrampicò di nuovo verso il mulino; io rimasi solo, e l’apparizione svanì, ma mi ritrovai piacevolmente seduto sulla sponda di un fiume al chiaro di luna, ad ascoltare un arpista che cantava accompagnandosi con l’arpa, e il suo motivo recitava: L’uomo che non cambia mai opinione è come acqua stagnante, e alleva i rettili della mente.
Ma mi alzai, e cercai il mulino, e là ritrovai il mio Angelo che, sorpreso, mi chiese come avessi fatto a scappare.
Risposi. Tutto ciò che abbiamo visto è dovuto alla tua propria metafisica; poiché quando sei andato via mi sono ritrovato lungo un fiume al chiaro di luna in compagnia di un arpista. Ma ora che abbiamo visto il mio destino, posso mostrarti il tuo? Lui rise della mia proposta; ma io lo presi a forza fra le braccia e volai verso occidente nella notte salendo fin sull’ombra della terra; poi mi scagliai con lui nella massa del sole; là indossai abiti bianchi e, portando con me i volumi di Swedenborg, lasciai quella gloriosa regione e oltrepassai tutti i pianeti finché approdammo a Saturno; là stetti a riposare, e poi spiccai un balzo nel vuoto fra Saturno e le stelle fisse.
Ecco! dissi, qui sta il tuo destino, in questo spazio, se di spazio si può parlare. Presto vedemmo la stalla e la chiesa, e lo portai all’altare ed aprii la Bibbia, ed oh! era un pozzo profondo, nel quale discesi, lasciandomi precedere dall’Angelo; presto vedemmo sette case di mattoni; entrammo in una di esse; all’interno v’era

mhh-c-p20-100

un certo numero di scimmie, bertucce, e specie simili, incatenate al centro, ghignavano e cercavano di strattonarsi a vicenda, nonostante il vincolo delle corte catene; comunque, notavo che si facevano sempre più numerose, e che quelle più deboli venivano prese da quelle forti, che ghignando le violentavano dapprima e le divoravano poi, un arto dopo l’altro, fino a lasciare solo un tronco inerme; e dopo ghigni e baci apparentemente appassionati, si divoravano pure quello; e ogni tanto ne vedevo una che con gusto strappava la carne dalla sua stessa coda; dato che il fetore infastidiva entrambi, andammo al mulino, ed io presi in mano lo scheletro di un morto, che nel mulino rappresentava gli Analitici di Aristotele.
Allora l’Angelo disse: La tua fantasia si mi ha ingannato e dovresti vergognartene.
Risposi: Ci inganniamo a vicenda, ed è tutt’altro che perso il tempo passato a conversare con te, i cui lavori sono solo Analitici.

L’Opposizione è vera Amicizia.

mhh-c-p21-100

Ho sempre notato che gli Angeli hanno la vanità di considerare se stessi come gli unici saggi; lo fanno parlando con una confidenza e un’insolenza che nascono dal loro metodo di ragionamento: Per questo Swedenborg si vanta di scrivere cose originali; nonostante siano solo Contenuti o Estratti di libri già editi.
Un uomo portava con sé una scimmia da spettacolino, ed essendo un poco più intelligente della scimmia, si vantava d’essere molto più intelligente di sette uomini. Stessa cosa per Swedenborg: mostrando la follia delle chiese e sbugiardando gli ipocriti, immagina tutti come religiosi e se stesso come l’unica

mhh-c-p22-100

eccezione sulla terra.
Ecco ora un fatto oggettivo: Swedenborg non ha scritto una sola verità inedita. Eccone un altro: ha ribadito tutte le vecchie falsità.
Ed ecco ora il motivo. Ha conversato con gli Angeli che sono tutti religiosi, e non ha conversato con i Diavoli che odiano tutti la religione, poiché la sua presunzione lo ha reso incapace di farlo.
Così gli scritti di Swedenborg sono un riepilogo di tutte le opinioni superficiali, e un’analisi di quelle sublimi, ma niente di più.
Sentite un altro fatto oggettivo. Qualsiasi uomo con abilità tecniche può trarre, partendo dagli scritti di Paracelso o Jacob Böhme, diecimila volumi di valore pari a quelli di Swedenborg, e da quelli di Dante o Shakespeare, infiniti.
Ma quando li ha ultimati, non dica di aver superato il suo maestro, poiché egli rimarrà come la luce di una candela di fronte al sole.

Una Memorabile Visione

Una volta vidi un Diavolo che ascese avvolto in una fiamma fino alla nuvola su cui sedeva un Angelo, e il Diavolo proferì queste parole.
Adorare Dio significa: Onorare i suoi doni in ogni uomo, in base al proprio genio, e amare ancor più i grandi

mhh-c-p23-100

uomini; chi invidia o calunnia i grandi uomini odia Dio, poiché non c’è altro Dio.
L’Angelo udito ciò divenne quasi blu, ma dominandosi virò in giallo, e infine in rosa chiaro e sorridendo rispose.
Tu Idolatra, Dio non è forse Uno? E non è forse manifesto in Gesù Cristo? E non ha forse Gesù Cristo detto la sua circa la legge dei Dieci Comandamenti? E non sono forse dei folli, dei peccatori e delle nullità tutti gli altri uomini?
Il Diavolo rispose: pesta un folle in un mortaio insieme alla farina, non basterà a liberarlo dalla sua follia. Se Gesù Cristo è il più grande degli uomini, dovresti amarlo nel più grande dei modi; ora senti come ha detto la sua circa la legge dei Dieci Comandamenti: Non ha forse schernito il Sabato, e di conseguenza il Dio del Sabato? Ucciso chi fu ucciso per causa sua? Aiutato l’adultera ad aggirare la legge? Sfruttato il lavoro d’altri per farsi mantenere? Commesso falsa testimonianza evitando di difendersi di fronte a Pilato? Peccato di bramosia quando pregò per i suoi discepoli, e quando li invitò a scrollarsi la polvere dai piedi di fronte a chi avrebbe rifiutato di ospitarli? Ti dico, non esiste virtù che non infranga questi Dieci Comandamenti; Gesù era pura virtù, e agiva d’impulso,

mhh-c-p24-100

non secondo le regole.
Dopo che ebbe sentenziato: osservai l’Angelo, che si protendeva ad abbracciare la fiamma, e ne fu distrutto e ne ascese Elia.

Nota. Questo angelo, che ora è divenuto un Diavolo, è il mio amico speciale; spesso leggiamo insieme la Bibbia con un’attitudine diabolica o infernale che tutti dovrebbero avere, se agiscono correttamente.
Possiedo anche: La Bibbia dell’Inferno, che tutti dovrebbero possedere, volenti o no.

Un’unica Legge per il Leone e il Bue è Oppressione.

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Libri o scrittura

Jacques Callot, due opere consultabili

Jacques Callot: La vie de la Mère de Dieu représentée par des emblèmes (Open Access Image from the Davison Art Center, Wesleyan University, photo: M. Johnston)

– – –

ELOGIO DI GIACOMO CALLOT, dalla Serie degli uomini i più illustri nella pittura, scultura, e architettura, con i loro elogi e ritratti incisi in rame cominciando dalla sua prima restaurazione fino ai tempi presenti TOMO DECIMO…, ebook gratuito su Google libri, pag.68 e seguenti (https://books.google.it/books?id=m42jTiXBjRgC&hl=it&pg=PA38-IA1#v=onepage&q&f=false)

 

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia

Schubertiadi e altri dipinti di musica

Galleria di dipinti ripresi da alcune copertine di vecchi dischi di musica classica e barocca (Telemann, Schubert, Chopin, Brahms).

bartolomeo-veneto-suonatrice-di-liuto-pinacoteca-di-brera

Bartolomeo Veneto, Suonatrice di Liuto, 1520, Pinacoteca di Brera

Schubertiade bei Spaun / Schwind 1868 - Schubertiade at Spaun's / Schwind - Schubertiade a Spaun / Schwind 1868

Moritz von Schwind, Schubertiade at Spauns, Wien Schubert Museum

schubert-at-the-piano-by-klimt

Gustav Klimt, Schubert at the piano, 1899, opera andata distrutta nella seconda guerra mondiale, comparsa sulla copertina di The Etude magazine nel 1934 (fonte: crimes against art – click sull’immagine)

julius_schmid_schubertiade

Schubertiade, Julius Schmid – Wikimedia Commons Link

moritz_von_schwind_schubertiade_large

Schubertiade by Moritz von Schwind – Wikimedia Commons Link

schubertiade-etude

Schubert and his friends – The Etude music magazine

Tutte le copertine di The Etude su etudemagazine.com

Tutti i numeri di Etude con Schubert in copertina

Portrait_eines_Oboisten_MIM.jpg

Ritratto di oboista, Musikinstrumenten-museum Berlino, via Wikimedia Commons

antoine_watteau_lenseigne-de-gersaint

L’enseigne de Gersant, par Antoine Watteau, Louvre Paris— Wikimedia Commons Link

antoine_watteau_049

La Pompadour (particolare dell’impresa di Gersant), Antoine Watteau, Louvre Paris — link

camille-corot-le-pont-de-mantes

Camille Corot, Le pont de Mantes, Louvre Paris – attraverso Wikimedia Commons

portrait-of-violette-heymann-1910-odilon-redon

Portrait of Violette Heymann, by Odilon Redon 1910 – Wikimedia Commons Link

Lascia un commento

Archiviato in *Fabrizio, Arte o fotografia, Musica o radio